Omicidio Simonetta Lamberti: condannato a 30 anni Pignataro. Soddisfatto il Pm Montemurro

Sono trascorsi 32 anni dall’efferato delitto della piccola Simonetta Lamberti, figlia dell’allora Procuratore della Repubblica di Sala Consilina, Alfonso Lamberti, il vero obbiettivo dell’agguato teso da un commando di camorra. Finalmente viene scritta, anche se in parte, la parola fine ad una vicenda giudiziaria che vede la condanna a 30 anni di carcere di Antonio Pignataro, autoaccusatosi dell’omicidio.  Il 55enne ex membro del Clan Cutolo, aveva fatto anche i nomi degli altri uomini che avevano preso parte al delitto:  Gerardo Della Mura, Claudio Masturzo e Gaetano De Cesare, che però sono deceduti.  Lui è l’unico rimasto in vita. Era il 29 maggio del 1982,  Simonetta era in macchina con il padre, Alfonso, si stavano dirigendo verso Cava de’ Tirreni ma su quella strada la piccola  a soli 11 anni morì.  Alfonso Lamberti rimase ferito: i due proiettili, esplosi da una P38, lo colpirono alla spalla sinistra e di striscio alla testa. Un altro proiettile colpì la piccola Simonetta alla tempia, provocandone la morte qualche ora dopo il ferimento. Il colpo che la raggiunse perforò la tempia sinistra attraversandole la testa, causando una grave emorragia e danni irreversibili al cervello.Pignataro decise poi, dopo tempo, di parlare con gli inquirenti, non riusciva a vivere con quel terribile segreto. A loro spiegò, che l’agguato al  procuratore di Sala Consilina, Alfonso Lamberti , fu preparato da Francesco Apicella, poiché le inchieste condotte dal giudice  lo avevano infastidito e voleva vendicarsi. Soddisfatto per l’esito del processo il Pm Montemmuro “E’ stata scritta, ha dichiarato,  una pagina importante per la storia della camorra nel Salernitano. La giustizia, anche se tardi, arriva sempre”. Pignataro, inoltre, dovrà risarcire 50mila euro ai i fratelli Stefano e Francesco Lamberti,  che si erano costituiti parte civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#