Sanità: Stati generali del Comparto convocati dalla CGIL. “Abbassare il costo dei tickets e sbloccare il tourn over”

Questa mattina Stati generali del Comparto Sanità pubblica e privata e della dirigenza convocati dalla Cgil  per rilanciare la vertenza sanità sull’intero territorio regionale. “In Campania, spiega il sindacato,  il sistema sanitario è fortemente squilibrato nella qualità dell’offerta tra territorio ed ospedale e tra pubblico e privato, in particolare nei settori della diagnostica, della dialisi e della laboratoristica. Così, producendo consistenti diseconomie nella organizzazione e nella erogazione dei servizi, non assicura la presa in carico del cittadino. Ecco perché a Salerno, in particolare, è già stato proclamato lo stato di agitazione a sostegno del percorso segnato nella piattaforma rivendicativa regionale sul tema. In Provincia di Salerno, sottolinea Angelo De Angelis, segretario generale Fp Cgil Salerno ,  i servizi sono fortemente ridotti anche nel settore dell’emergenza-urgenza e la situazione si aggrava in coincidenza col periodo feriale. Arturo Sessa, della segreteria Cgil di Salerno chiede “lo sblocco immediato del turn over e assunzioni mirate nei reparti e nei servizi con gravi deficit di personale medico ed infermieristico. E’ necessaria, poi, una urgente modifica del Decreto 49 per un ridisegno della rete ospedaliera e dei servizi territoriali”. Il Presidente della Regione Campania,  sottolinea Franco Tavella, Segretario generale CGIL Campania, ci ha comunicato  che è stato raggiunto l’equilibrio economico. Se questo è vero, aggiunge Tavella,  a questo punto si guardi alla qualità della sanità campana, poiché quello raggiunto è un risultato dato dalla somma di due elementi fondamentali: abbiamo pagato i tickets più alti d’Italia ed inoltre sono state bloccate tutte le assunzioni in sanità. Bisogna, in virtù delle dichiarazioni di Caldoro,  attuare nuove assunzioni ed è necessario abbassare il costo dei tickets che rendono il diritto alla salute un privilegio per pochi cittadini campani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#