Giovani Democratici del Vallo di Diano: adesione alla campagna #restalaterra, per la promozione e valorizzazione suoli pubblici agricoli

I Giovani Democratici del Vallo di Diano aderiscono alla campagna #restalaterra, indetta dai Giovani Democratici della Campania per promuovere la valorizzazione dei suoli pubblici agricoli al fine di favorirne l’accesso ai giovani. La campagna mira all’attuazione della Legge Regionale n.10  del  3/8/2013, proposta dall’On. Donato Pica quale primo firmatario insieme ad altri consiglieri regionali del PD, che prevede l’assegnazione  ,tramite bando, di terreni agricoli pubblici di proprietà della regione e dei comuni alle imprese agricole, dando incentivi e sconti sui canoni di affitto per le imprese guidate da Giovani under 40, singoli o in società. Ad oggi, infatti, non esiste un regolamento attuativo regionale, né si è avuto un censimento dei terreni agricoli del demanio.

I Giovani Democratici con questa campagna vogliono spingere la Regione Campania a produrre, in tempi brevi, i regolamenti attuativi che potranno dare lavoro a migliaia di giovani (circa 30 mila occupati stimati) con l’appoggio dei cittadini, dei giovani imprenditori e dei militanti del partito. Inoltre chiedono che il consiglio regionale della Campania integri la legge con le seguenti proposte :

– l’istituzione della Banca della Terra, per mantenere un censimento di questi terreni agricoli: assegnarli tramite bando;  seguire il corso d’opera e controllare gli adempimenti d’indirizzo e recepire ogni finanziamento possibile, statale e sovrastatale;

– lo sviluppo della formazione di operatori e lavoratori del settore agricolo anche con i fondi per la Garanzia Giovani attraverso stage con le aziende, indirizzati alla preparazione ed all’inserimento diretto nel mondo del lavoro.

Questo permetterà di migliorare, nel tempo, il nostro territorio nei settori:

– AMBIENTE : mediante il recupero dei terreni pubblici per limitare l’abbandono ed il degrado;

– LAVORO : impiegare oltre  30000 di giovani in Regione Campania per circoscrivere la disoccupazione giovanile;

-SICUREZZA:  più controlli e una migliore tracciabilità dei prodotti per garantire ai consumatori maggiore controllo su ciò che viene acquistato;

-SVILUPPO INDUSTRIALE ECO-SOSTENIBILE:  la promozione di colture non solo alimentari (es. no food) per accrescere le industrie di trasformazione;  con la ricerca avanzata del no food si possono sviluppare prodotti di altissima qualità nel settore tessile, energetico, edile, cosmetico e farmaceutico.

La campagna avrà inizio Domenica 13 Luglio in piazza S. Cono a partire dalle ore 10. I giovani volontari saranno presenti per distribuire materiale informativo e per raccogliere le firme di tutti coloro che vorranno aderire all’iniziativa. Nei giorni successivi l’iniziativa verrà estesa negli altri comuni del comprensorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#