Capaccio Paestum: raccolta differenziata al 63,58%

Nei primi sei mesi del 2014 la raccolta differenziata dei rifiuti ha raggiunto la media del 63,58%, ben il 10% in più rispetto al 2013, con un picco del 66,34% nel mese di gennaio, come emerge dai dati forniti dall’Osservatorio Regionale Rifiuti della Campania. I dati relativi al periodo dall’1 gennaio al 30 giugno 2014 confermano l’efficacia del nuovo sistema di raccolta differenziata entrato in vigore a partire dall’1 novembre 2013.«Si tratta di un risultato che premia l’impegno dei cittadini ed il lavoro svolto dall’amministrazione e dall’assessorato nel ripensare la raccolta differenziata a Capaccio Paestum, nonché il quotidiano impegno dell’ufficio ecologia retto dal geometra Antonio Russo sotto la guida dell’ingegnere Carmine Greco con la collaborazione dei consiglieri delegati, Luca Sabatella, Maurizio Paolillo e Roberto Ciuccio» afferma l’assessore alle Politiche Ambientali Eustachio Voza.«I cittadini di Capaccio Paestum stanno dimostrando rispetto delle regole e attenzione per l’ambiente. – afferma il sindaco Italo Voza – Grazie alla collaborazione di tutti la raccolta differenziata dei rifiuti si attesta costantemente al di sopra del 60%. Tuttavia, è necessaria sempre maggiore attenzione: se ognuno svolgerà il proprio compito non si potrà che migliorare ancora».«Il risultato è importante e ci gratifica ma non ci soddisfa ancora: stiamo, infatti, varando ulteriori aggiornamenti per migliorare immediatamente la raccolta sulla fascia costiera ed in particolare nelle strutture ricettive, laddove dovrà essere ancora più semplice gestire la differenziata da parte degli imprenditori del settore, sì da favorirne maggiore diffusione tra ospiti e turisti e non subire l’odioso calo estivo della percentuale di raccolta differenziata. – conclude l’assessore Eustachio Voza – Aumentare del 10%, o meglio, raggiungere e superare il 65% non è un problema di numeri ma soprattutto l’affermazione di una crescita in termini di cultura ambientale».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#