Sala Consilina (SA): Tares, il M5S organizza gazebo informativi per compilazione istanze

Riceviamo e Pubblichiamo

Il meetup – Movimento 5 Stelle Vallo di Diano / Sala Consilina ha già portato all’attenzione dei cittadini il problema TARES, chiedendone al Sindaco l’immediata sospensione per difformità dei coefficienti applicati rispetto a quelli previsti dalla legge e per errori di calcolo, con conseguenti maggiorazioni  degli importi richiesti ai contribuenti. Il Sindaco risponde che i coefficienti applicati scaturiscono da una scelta politica. A tal proposito si osserva che il regolamento TARES del Comune di Sala Consilina all’art. 1 fa espresso richiamo al d.p.r. 158/1999 che stabilisce i coefficienti per area geografica; inoltre le scelte politiche vengono fatte a favore dei cittadini, mentre in questo caso si ha un aggravio economico per i medesimi. Il Sindaco continua dicendo che il gettito richiesto è a copertura dei costi del servizio. Al riguardo si precisa che gli attuali costi del servizio conseguono ad una gestione dello stesso in violazione della disciplina normativa che fissa i tetti percentuali minimi di raccolta differenziata da raggiungere: “Almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012”. Il Comune di Sala Consilina ha raggiunto al dicembre 2012 il 47,73% di RD e al dicembre 2013 il 51,02% di RD, collocandosi ben al di sotto dei limiti normativi. Peraltro i cittadini svolgono diligentemente la raccolta differenziata.  Ci si chiede per quale motivo nel 2011, a fronte di un’eguale raccolta diligente dei cittadini, il Comune ha raggiunto l’ 81,03% di RD, mentre negli anni successivi si è verificato un tracollo della percentuale di raccolta differenziata, come da dati pubblicati da www.mysir.it ?  Si fa notare che lo stesso regolamento TARES   approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.27 del 30/11/2013 all’ art. 19 prevede: “ In caso di effettuazione del servizio di gestione dei rifiuti in grave violazione della disciplina di riferimento…, il tributo è dovuto dai contribuenti coinvolti in misura massima del 20% del tributo”. In conclusione, se il maggiore costo del servizio consegue alla violazione dei tetti percentuali minimi di raccolta differenziata previsti dalla legge, NON DEVONO PAGARE I CITTADINI MA GLI AMMINISTRATORI INADEMPIENTI…  !!!!!!!!!!!!!!

IL MEETUP – MOVIMENTO 5 STELLE VALLO DI DIANO / SALA CONSILINA NEI PROSSIMI GIORNI ORGANIZZERA’ GAZEBI PRESSO I QUALI ATTIVISTI DEL MOVIMENTO 5 STELLE ASSISTERANNO I CITTADINI MUNITI DI BOLLETTA TARES NELLA COMPILAZIONE DI ISTANZE DI AUTOTUTELA DA INOLTRARE AL COMUNE PER CHIEDERE IL RIMBORSO ED RICALCOLO DELL’ ESATTO IMPORTO TARES.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#