Scario (SA): ieri l’incontro “Cittadinanza responsabile e difesa del creato”. Presente Mons. Angelo Spinillo

Si è svolto ieri, presso il piazzale della Casa Canonica di Scario, l’incontro sul tema “Cittadinanza responsabile e difesa del creato” organizzato dall’Unione Giuristi Cattolici Italiani e dalla Parrocchia “Immacolata”, in occasione della V edizione dei dialoghi “Pro-fani”. Partendo dal documento stilato dai Vescovi della “Terra dei Fuochi” è stato affrontato il tema dell’inquinamento con particolare riferimento alla custodia del creato e al senso di essere cittadini. “Si tratta di un problema educativo che, come ha affermato Mons. Angelo Spinillo, Vescovo della Diocesi di Aversa e Vice presidente C.E.I., puó essere risolto mettendosi in dialogo e stipulando alleanze che creano un senso di appartenenza consapevole che va vissuto nella famiglia, come nella comunità ecclesiale e nella società civile. In un momento in cui la politica sembra ferma e la Chiesa è in movimento, ha aggiunto mons. Spinillo, bisogna ricominciare dalla base e progettare insieme. Bisogna ricomporre le relazioni sociali per poter parlare di politica e di  forme di difesa e per tornare a fare insieme. Bisogna salvaguardare il diritto alla salute e la tutela del paesaggio maturando il senso di responsabilita di tutti – spiega l’Avv. Angelo Paladino, presidente dell’Unione giuristi Cattolici Italiani, sezione Sala Consilina,  bloccando le fonti di inquinamento, causa di  terribbili malattie”. “Se si ama il prossimo ci si può donare ed offrire gratuitamente ed incondizionatamente all’ altro mettendosi assieme e condividendo un progetto di difesa del creato e dei beni comuni ha aggiunto il penalista Franco Maldonato. Tra gli altri sono intervenuti Mons. Orazio Piazza, Vescovo della Diocesi di Sessa Aurunca e Franco Pasquali, Coordinatore Retynopera – Fondazione Symbola, il tutto moderato dal giornalista Gaetano Bellotta. Ad allietare la serata le esibizioni del soprano Nunzia De Falco accompagnata da Francesco Augurio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#