Vallo di Diano: ieri quarta edizione del “Raduno di auto e moto d’epoca”

domenica bestiale a bordo di cilindrate datate ma pur sempre affascinanti e affidabili. Questa la caratteristica principale della quarta edizione del “Raduno di auto e moto d’epoca”, che si è svolta nella giornata di ieri sulle strade del Vallo di Diano. La manifestazione organizzata dall’Associazione “Grandi Passioni” e dal “Club auto e moto storiche Vallo di Diano”, si è snodata da Sala Consilina con la partenza dall’Auto Diana fino ad arrivare a Caggiano dove è stato organizzato un pranzo a base di prodotti tipici locali. Ben 40 equipaggi tra auto e moto con a bordo appassionati e non di un modo fatato che rappresenta non solo la storia automobilistica ma anche la storia recente dagli anni ’50 agli anni ’90. Una sfilata che si è conclusa con le visite guidate al centro storico, al castello di Caggiano e al Museo della Polizia di Stato. Fine giornata contraddistinto dalle premiazioni ai partecipanti e con l’estrazione della lotteria che ha messo in palio un week end per due persone. “Siamo felici di aver raggiunto il nostro obiettivo, stiamo già lavorando per la prossima edizione”- ha detto il Presidente dell’associazione Grandi Passioni Donato Pucciarelli-” iscrizioni aperte per chiunque volesse entrare a far parte del nostro mondo. Mondo racchiuso anche sulla pagine Facebook di Grandi Passioni o su “Club auto e moto storiche Vallo di Diano”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Rinux ha detto:

    Sarò drastico ma devo dire che c’è stato ben poco da vedere e ammirare. Con la sola eccezione di una Mercedes-Benz W121 (comunemente denominata 190 SL), una roadster di fascia medio-alta prodotta dalla casa automobilistica di Stoccarda tra il 1954 e il 1963. Che poi, a volerla dire tutta, presentava una odiosa seppur piccolissima screpolatura di vernice su una nervatura del cofano anteriore. Una colpevolissima mancanza da parte del proprietario che, imho, giammai dovrebbe portare in giro un gioiello del genere con una pecca così grave. Ma tant’è!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *