Salerno: conservatorio “Martucci”. Le masterclass di Alessandro Solbiati e Bruno Canino

Saranno giorni intensi di didattica superiore quelli che vivrà il Conservatorio “Giuseppe Martucci” dal 6 al 10 ottobre con le masterclass di Alessandro Sobiati e Bruno Canino, coronate da un concerto finale dello stesso Canino e di Giuseppe Greco. La ricca stagione didattica e performativa dell’Istituto salernitano di Alta Formazione Artistica e Musicale inizia alla grande lunedì 6 ottobre con la masterclass di Alessandro Solbiati, uno dei compositori italiani più eseguiti internazionalmente. Solbiati, pianista e compositore lombardo (fortunatamente per la musica, mancato fisico), dopo essersi perfezionato alla Chigiana con Franco Donatoni ha vinto due concorsi che gli hanno aperto le porte di una fortunata carriera internazionale, il Concorso Internazionale di Torino nel 1980 (con il Quartetto d’archi) e il RAI-Paganini di Roma nel 1982 (con Di luce per violino e orchestra). Ha ricevuto commissioni dai maggiori teatri e istituzioni, compreso la Scala, RAI, Ministero della Cultura francese, Radio France, Università di Parigi, Mozarteum, Fondazione Gulbenkian e Biennale di Venezia. I  suoi lavori sono stati eseguiti nei più importanti festival internazionali e sono stati registrati e trasmessi da molte radio europee ed americane.  La RAI ha prodotto due “radiofilm”, entrambi basati su racconti di Paola Capriolo, Frammenti da “Il gigante” (1994) e La colomba azzurra (1996). La collaborazione con la Capriolo continua nel 1997 con la produzione di “Con i miei mille occhi”, ispirato all’omonimo racconto lungo pubblicato da Bompiani (libro con CD allegato). Alessandro Solbiati è docente di Fuga e Composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. Ha  insegnato al Centre Acanthes di Avignone e a quello di Metz, tenuto masterclass ai Conservatori Superiori di Parigi, Lione e Città del Messico. Pubblica per la Casa Editrice Suvini Zerboni – SugarMusic Spa di Milano.  Alessandro Solbiati terrà la sua intensa masterclass salernitana, opportunamente aperta anche a partecipanti esterni, il 6/7/8 ottobre: i temi affrontati sono imperdibili per chi fa musica dalla parte della creatività e non dell’esecuzione, comprendendo un approfondimento sulla figura musicale, una riflessione sulla forma e un’altra sul teatro musicale contemporaneo.

 

 

 

Dal 7 al 9 ottobre si terrà un’altra masterclass prestigiosa, affidata a quel pianista napoletano che da oltre mezzo secolo fa conoscere tutto il repertorio solistico e da camera con pianoforte in Italia e in giro per il mondo, sia come didatta che come interprete: Bruno Canino. È un interprete che non ha bisogno di presentazioni, specie per il pubblico salernitano che lo segue da decenni e che ha potuto apprezzarlo in tutto l’arco di una carriera tanto luminosa quanto  lontana da protagonismi e divismi. Però va ricordato che a Bruno Canino dobbiamo la conoscenza e la passione per la musica contemporanea e di quella del Novecento storico. Straordinaria anche la sua attività didattica in giro per il mondo: questo giovane quasi ottantenne attualmente è docente presso la Scuola di musica di Fiesole e la Escuela Reina Sofia di Madrid.

 

Bruno Canino arricchirà la sua masterclass esibendosi con Giuseppe Greco, docente di Pianoforte del Conservatorio di Salerno, in un concerto di musiche di Schubert (mercoledì 8 ottobre alle  19, Aula Magna del Conservatorio). Il concerto, ad ingresso libero e già annunciato come tutto esaurito, è l’ennesimo omaggio che il Conservatorio vuole fare alla città e al pubblico salernitano.

Il Conservatorio è particolarmente orgoglioso di presentare al pubblico, nella felice occasione della masterclass di Bruno Canino, uno dei suoi giovani ma già prestigiosi insegnanti: è Giuseppe Greco, pugliese di soli 24 anni che si sta imponendo nei più difficili e massacranti concorsi pianistici internazionali, compresi Busoni, Chopin e Van Cliburn. Giuseppe Greco non è più solo una giovane promessa del concertismo italiano ma una giovanissima realtà di quello internazionale.

 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *