Sanità e Giustizia, il sindaco di Buonabitacolo: “Vallo ostaggio di altri territori”

“Il nostro territorio è ostaggio di altri luoghi e di altre regioni. Eppure, rispetto a molte zone della Campania e della stessa Basilicata, il Vallo di Diano ha enormi potenzialità. Naturalmente, inespresse”. Lo afferma il sindaco di Buonabitacolo Elia Rinaldi, in un post pubblicato sulla sua pagina del Social Network Facebook, nel quale fa in particolare riferimento alle carenze in tema sanitario ma anche agli ultimi sviluppi che hanno portato alla perdita del Tribunale e al taglio di altri servizi comprensoriali. Rinaldi cita come esempio di disfunzioni e disservizi un episodio al quale ha recentemente assistito personalmente: un incidente stradale verificatosi in via Provinciale a Teggiano. “Una povera ragazza di San Rufo –spiega il sindaco di Buonabitacolo- ha tamponato con la sua auto un’altra vettura che percorreva la stessa strada. Appena sono sceso dalla macchina, dopo aver controllato le condizioni della ragazza, ho telefonato al 118. Indovinate chi ha risposto dall’altra parte del telefono? Il 118 di Potenza! Dopodiché mi hanno messo in collegamento con il 118 di Vallo della Lucania. Alla fine è arrivata l’ambulanza del presidio sanitario di Teggiano”. Insomma davvero un valzer paradossale con conseguente perdita di tempo prezioso, quello dell’emergenza- 118 nel Vallo, una situazione peraltro già da anni segnalata e denunciata dal Codacons Vallo di Diano. “Questo episodio –continua Rinaldi- è la rappresentazione reale, plastica, delle condizioni della sanità nel Vallo di Diano, ma aggiungerei anche della giustizia e delle istituzioni. Mi pare inutile rincorrere responsabilità e sbagli, al contrario, mi sembra utile, anzi doveroso, cominciare a battere i pugni sul tavolo quando qualche “nominato” prova a toglierci pezzi importanti dei nostri ospedali, ci lascia con le apparecchiature danneggiate per lungo tempo, ci fa mancare medici e attrezzature. La salute è un diritto sacrosanto che occorre garantire a tutti i cittadini”. In conclusione arriva l’appello del sindaco di Buonabitacolo agli altri primi cittadini valdianesi: “Spero davvero che con i colleghi sindaci si possa cominciare a far sentire in modo più forte in Campania e in Basilicata la voce del Vallo di Diano”. Intanto le elezioni provinciali di domenica prossima potrebbero costituire un primo banco di prova per la tanto auspicata “unità territoriale”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Roberto De Luca ha detto:

    http://robertodeluca.blogspot.it/2012/02/il-118-nel-vallo-di-diano.html
    Concordiamo con quanto dice il Sindaco. Dobbiamo però dire che
    avevamo raccontato tutto sul 118 e avevamo “agito” già da tempo. In questo territorio siamo un po’ tutti molto distratti su determinati aspetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *