Sanità: Squillante riduce le attività dei centri di salute mentale. Le critiche del Pd

Il direttore generale dell’ASL, Antonio Squillante, ha varato il nuovo Protocollo dell’emergenza per i malati psichiatrici, riducendo le attività dei centri di salute mentale che non potranno più garantire assistenza 24 ore su 24. Bisognerà, dunque, chiamare il 118. Una dura critica in merito arriva dal Partito Democratico della Provincia di Salerno, ”nell’intero territorio provinciale assistiamo a scene da quarto mondo, dichiara in una nota stampa Nicola Landolfi, segretario provinciale del Pd, dopo che l’indiscriminata chiusura di ospedali operata dal medesimo direttore generale ha fatto sì che la rete dell’emergenza implodesse pericolosamente. Questa scelta infelice rischia di vedere notevolmente aumentati i ricoveri nei reparti psichiatrici, che nei fatti hanno subito, per assurdo, una riduzione del 35% di posti letto. Questo dimostra, conclude Landolfi, che le scelte di politica sanitaria in Campania sono lontane anni luce dalla razionalità, dalla realtà e dai bisogni degli ammalati”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *