Parto trigemellare in rosa all’Ospedale “Ruggi” di Salerno

Tre fiocchi rosa all’Ospedale Ruggi di Salerno. 3 gemelline infatti sono nate mercoledì 19 novembre nella struttura della Gravidanza a Rischio del’ospedale, l’equipe operatoria era composta dal direttore dr. Raffaele Petta, dal dr. Mario Polichetti e dalla anestesista dr.ssa Flora Minichino. La mamma è una salernitana di 33 anni. Sono tre femminucce ed è stato necessario interrompere la gravidanza per l’insorgenza di un travaglio di parto. La gestazione è stata seguita dalla Unità Operativa Complessa di “Gravidanza a rischio” con le più moderne tecniche di sorveglianza del benessere fetale che comprendevano la flussimetria, lo studio del profilo biofisico fetale e la cervicometria.  “La gravidanza trigemina si verifica in un caso su 6.400 gravidanze e nel Reparto di “Gravidanza a rischio” sono state seguite molte gravidanze trigemine”. Questo quanto comunicato dal dr.Raffaele Petta, Direttore della Unità Operativa Complessa della Gravidanza a rischio. “La eccezionalità dell’evento, ha spigato il dottore, è dovuta al fatto che inizialmente le gemelline erano due, poi una delle due ha “splittato”, cioè si è duplicata, in modo che si sono generati due gemelli identici, nutriti dalla stessa placenta. Questo ha comportato che una delle gemelline donasse sangue all’altra con marcata discrepanza di peso.”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#