Sala Consilina, oggi ad ora di pranzo il consiglio comunale

 

 

 

 

Preceduto dalle polemiche sull’orario di convocazione, fissato per le ore 12:00, oggi ad ora di pranzo nuovo consiglio comunale a Sala Consilina, con diversi importanti argomenti all’ordine del giorno. Tra questi il riconoscimento di debiti fuori bilancio e la variazione di assestamento generale del bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2014 ed il rinnovo della  convenzione per la gestione dei Servizi Sociali e Socio Sanitari Ambito Territoriale S10. I debiti fuori bilancio riguardano due Sentenze della Corte d’Appello di  Salerno, un accordo transattivo dinanzi al Giudice di Pace di Sala Consilina, e debiti rilevati nei confronti di Enel Energia. Ma a tenere banco per oltre un’ora e mezza è stato il secondo argomento all’ordine del giorno, e cioè l’acquisto di un immobile sito in Sala Consilina alla Via Macchia Italiana, da destinare a Centro Socio Assistenziale Territoriale del Piano Sociale di Zona S10. Un provvedimento arrivato sul filo di lana e relativo ad un finanziamento ottenuto nel lontano 2007 grazie al progetto “Arcobaleno”, per il quale la mancata approvazione della relativa delibera avrebbe significato la perdita dello stesso finanziamento. Il valore dell’immobile è pari a 116mila euro, in parte reperite dalle risorse assegnate per la realizzazione del progetto Arcobaleno, ed in parte da risorse residue relative a interventi del Piano Sociale di Zona parzialmente realizzati negli anni 2007-2009. Su questo tema sono stati diversi gli interventi dei Consiglieri di Minoranza Pinto, Colucci, Santarsiere e Galiano, riguardanti in primis chiarimenti sulla destinazione d’uso dell’immobile, che nel bando erano ben precise. A distanza di ben 7 anni dal bando finanziato, però, sono cambiate molte cose e addirittura alcune delle associazioni che avevano partecipato al progetto Arcobaleno non esistono più. Nel suo intervento introduttivo il sindaco Cavallone ha parlato di servizi socio assistenziali ma anche della possibilità di utilizzare l’immobile per uffici del piano di Zona, per ridurre le spese di fitto contratte nell’attuale locazione. L’impressione dei consiglieri di minoranza è stata invece di una delibera inserita  all’ultimo istante per non perdere un finanziamento datato ben 7 anni, senza avere le idee ben chiare sugli obiettivi da realizzare e senza aver valutato appieno l’idoneità dell’appartamento scelto per l’utilizzo proposto. Polemiche anche sull’utilizzo dei residui degli interventi del Piano di Zona 2007-09 per l’acquisto di un appartamento invece che per servizi assistenziali. Come spesso accade nel corso dei consigli comunali di Sala Consilina di questa ultima consiliatura non sono mancati momenti polemici e divagazioni personali tra consiglieri di maggioranza e di minoranza. Alla fine la delibera per l’acquisto dell’immobile è stata approvata con i soli voti favorevoli della maggioranza, e quelli contrari di Pinto, Colucci, Santarsiere e Galiano.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *