Distretto Sanitario, l’ira di Sala Consilina. Annunziata contro Squillante e i Sindacati

E’ arrivata ieri sul tavolo del direttore del Distretto Sanitario 72 Giuseppe Di Fluri la comunicazione a firma del direttore generale dell’ASL di Salerno Antonio Squillante che dispone il trasferimento degli uffici del Ditretto da Sala Consilina a Sant’Arsenio. Intanto, come era prevedibile, la reazione del Comune di Sala Consilina si preannuncia durissima: il Sindaco Francesco Cavallone ha indetto per mercoledì, con inizio alle ore 12:30 nella Sala consiliare del Comune, una conferenza stampa sulla vicenda, alla quale è annunciata la partecipazione di tutti i Sindaci del Distretto valdianese. Dalle notizie che filtrano l’amministrazione comunale salese starebbe approntando una serie di denunce ed azioni legali relative ai fitti pagati dall’ASL di Salerno in altri comuni della provincia salernitana, ma anche per quelle che vengono considerate “forzature” del direttore Squillante nei confronti del comune salese. Infatti emergono nuovi particolari sui motivi alla base del mancato accordo tra il Comune di Sala Consilina e l’ASL di Salerno per il trasferimento della sede del Distretto nell’Ex Tribunale. L’accordo sarebbe saltato per circa diecimila euro: Sala Consilina era disposta a concedere gratuitamente i locali dell’ex Tribunale,  inclusa la manutenzione e l’ adeguamento necessari, oltre che l’esenzione totale da tasse comunali. Il cerchio non si sarebbe chiuso per un solo punto in particolare: Squillante ha chiesto anche il pagamento delle utenze (luce, gas, acqua etc), un contributo che –a quanto si apprende- il Comune di Sala Consilina si sarebbe dichiarato impossibilitato a concedere. In seconda battuta il direttore generale avrebbe trasformato la richiesta di pagamento delle utenze in un contributo di diecimila euro da parte del Comune, ma anche su questa richiesta l’accordo non c’è stato. Di qui la decisione di Squillante di trasferire il Distretto a Sant’Arsenio.  Dura  la reazione di Sergio Annunziata, presidente della Conferenza dei Sindaci dell’ASL di Salerno, che doveva fare da garante all’accordo.

sergio annunziata renziano

“Ritengo sbagliato il trasferimento a Sant’Arsenio nonostante il mancato accordo sulle clausole del protocollo d’intesa –afferma senza peli sulla lingua Annunziata, smentendo Squillante- perché il Distretto ha la sua naturale collocazione a Sala Consilina, per tutta una serie di motivazioni ma soprattutto per servizio ai cittadini. Nonostante questa vicenda vada avanti da anni –continua Annunziata- e nonostante i tanti errori passati e le incomprensioni, con la nuova collocazione nell’ ex tribunale finalmente il distretto avrebbe avuto una degna sede centrale nel Vallo di Diano, con spazi per allocare anche altri servizi”. Duro anche l’attacco ai Sindacati: “La Cgil –dichiara Annunziata- ha sempre voluto il Distretto a Sant’Arsenio solo per motivi che hanno poco a che fare con l’interesse pubblico”.  Secondo Annunziata andando a Sant ‘Arsenio il Distretto costerà almeno 400mila euro di spese generali all’anno, rispetto ad un costo totale nell’ex Tribunale di Sala Consilina che sarebbe stato di circa 50/60 mila euro annui a carico dell’ASL. “In una struttura –conclude Annunziata- nuova, agibile e fruibile e collegata da servizi pubblici trasporto”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *