Omicidio Di Gloria: l’ansia di Petrillo e la richiesta di sconto del Procuratore generale

Sale l’attesa per il processo d’appello per Giuseppe Petrillo, il 34enne accusato dell’omicidio di Nicola di Gloria avvenuto a Polla la notte tra il 7 e 8 maggio 2010. La Procura generale ha chiesto uno sconto della pena a 14 anni di reclusione, invece, dei 23 decisi durante il primo grado di giudizio. Inoltre è stato richiesto il riconoscimento del rito abbreviato condizionato. Giuseppe Petrillo, pollese come Di Gloria è stato arrestato un anno dopo l’omicidio dopo accurate indagini da parte dei carabinieri.Nicola fu ucciso da una coltellata e poi investito dall’auto, il suo corpo, deturpato, fu ritrovato da un pastore della zona. La sentenza è prevista per il 22 dicembre. L’avvocato di Petrillo, Teresa Sorrentino, preferisce non rilasciare dichiarazioni prima della sua discussione e della sentenza, ma ha fatto sapere che Petrillo ha accolto positivamente la richiesta del Procuratore. Ma sta vivendo con ansia quanto sta avvenendo. La famiglia di Di Gloria è tutelata dall’avvocato Sebastiano Tanzola.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#