E’ guerra tra Regione e l’ex manager pollese dell’Arpac su “licenziamento” e stipendio

E’ lotta tra Regione Campania e l’ex manager dell’Arpac, Antonio Episcopo. Quest’ultimo, di Polla, ha guidato l’ente che si occupa, tra le altre cose, del controllo dell’ambiente, per diversi anni: dal febbraio del 2011 fino a qualche mese fa. Ma, il 9 dicembre scorso la Regione ha deciso per il “licenziamento” di Episcopo, chiedendo poi, attraverso il commissario dell’Arpac, Pietro Vasaturo il recupero di presunte somme indebitamente prese dal manager pollese. Ovvero somme che nascono dal godimento di un doppio stipendio: da dirigente della Regione in pensione e da direttore generale dell’Arpac. Episcopo, una vita nel Psi e dagli anni Novanta vicino a Forza Italia, non ci sta e contrattacca. Si rivolge al giudice del Lavoro e confuta le tesi portate avanti dalla Regione. “Non sono mai stato ufficialmente destituito e quindi dovrei ricevere lo stipendio fino al 2016, anno di scadenza del mio contratto e inoltre il cumulo degli stipendi così come nel mio caso è consentito dalla Legge. Inoltre – aggiunge – ho rinunciato io alla pensione proprio per evitare ulteriori polemiche”. Ascoltiamo le parole dell’avvocato pollese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#