La Soprintendenza dice no ai laghetti montani. La Comunità Montana: “Scandaloso”

“E’ scandaloso. E’ quello che viene da dire di fronte alla bocciatura da parte della Soprintendenza di Salerno del progetto sui laghetti montani”, la Comunità montana va all’attacco della Soprintendenza. Capiamo il perché. Nel 2009 fu attivata da parte della Regione l’iniziativa dei Progetti Integrati Rurali per le Aree Protette attraverso la quale i due parchi nazionali furono chiamati ad elaborare, insieme a Comuni e Comunità Montane, progetti collettivi finalizzati alla tutela e alla valorizzazione delle risorse naturali. Per il nostro Parco fu approvato un progetto da  26 milioni circao e furono individuati diversi interventi per il Vallo di Diano. Tra questi  un progetto per la realizzazione di Laghetti montani a finalità antincendio boschivo. “Progetto bocciato – scrive la Comunità montana – perché la Soprintendenza fece pervenire una nota con la quale esprimeva parere contrario, ritenendo quest’opera impattante per l’ambiente”. La Comunità Montana, non si rassegnò e, dopo aver ottenuto il decreto di finanziamento da parte della Regione, si adoperò per cercare di “recuperare il progetto” in conformità delle indicazioni fornite dalla Sovrintendenza stessa. Fu chiesto alla Regione l’autorizzazione per una perizia di variante attraverso la quale si sarebbe realizzato solo il laghetto nel Comune di Monte San Giacomo. Tale proposta fu accettata dalla Regione e la Comunità Montana convocò una nuova Conferenza di Servizi.  Sulla variante si espressero favorevolmente tutti gli Enti ad eccezione della Soprintendenza. “Una posizione, quella della Soprintendenza, assurda. Non si tratta – scrive il presidente Accetta – di realizzare o meno un determinato progetto. Qui è in gioco il destino dei nostri territori. Non è accettabile che un’opera importante per il territorio non si realizzi solamente perché un Ente, dice di no, a dispetto di tutti gli altri”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *