Querelle Annunziata-Landolfi : la replica del gruppo #adessosalerno alle accuse di “fuoco amico” del Pd salernitano

http://youtu.be/69tpdBlVbAM

In risposta al comunicato emanato dal Pd Salerno, che parlava di “fuoco amico” in merito alle dichiarazioni postate da Sergio Annunziata sul suo profilo Facebook, e riferite alla ventilata nomina del segretario regionale Nicola Landolfi nel consiglio direttivo dell’ASI (Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Salerno), il gruppo #adessosalerno ha inviato una replica agli organi di stampa.

“Il documento della segreteria provinciale richiama il partito al senso di responsabilità. Una linea che abbiamo condiviso evitando di prendere posizioni pubbliche su molte questioni che non abbiamo condiviso – si legge nel comunicato – dopo la fine del congresso provinciale. Il problema posto dalla minoranza congressuale riguarda non singole persone o problemi individuali ma la necessità di presentare il partito come un corpo collettivo e coerente, pur convinto del valore delle proprie diversità e posizioni politiche”. “Allo stesso tempo riteniamo necessario evitare – si legge ancora nel comunicato – una immagine del nuovo governo come una semplice emanazione di una parte del partito, proprio per sottolineare la volontà di cambiare il rapporto tra l’Ente ed una cittadinanza colpita dalla crisi e pronta a rifugiarsi nell’antipolitica. In questa direzione, riteniamo che con maggiore prudenza e condivisione, le questione del Consorzio Farmaceutico e del Bacino SA-4 si potevano gestire con risultati diversi, in termini di dato politico e di giudizio dell’opinione pubblica.Lo stesso riteniamo si doveva fare nella vicenda ASI, come sottolineato dal nostro candidato al congresso Sergio Annunziata, innanzitutto per tutelare lo stesso segretario provinciale, la cui figura non è utile confondere con il governo di enti di secondo livello.Oggi più che mai é necessario aprire una fase di riflessione, di supporto alle istituzioni, di rimettere al centro dell’agenda politica la nostra comunità”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *