Problema randagismo. Se ne è parlato a Sant’Arsenio

 

 

Cani randagi o mal custoditi. Questo il tema al centro di un incontro tenutosi presso l’aula consiliare del Comune di Sant’Arsenio ed organizzato da un gruppo di cittadini, in particolar modo donne, che hanno voluto incontrare l’amministrazione e la cittadinanza per discutere del problema. imageLa proposta avanzata prevede il riutilizzo di una struttura, che prima ospitava cani randagi di proprietà privata, ubicata nel territorio di San Pietro al Tanagro, che con l’impegno di volontari dovrebbe essere rimessa in sesto, con lavori di ristrutturazione e bonifica. A questo punto è stato chiesto al Sindaco e ai componenti dell’amministrazione presenti quale fosse il contributo reale che l’ente potesse dare al progetto. Il Sindaco si è detto disponibile a “sostenere il progetto con eventuali interventi relativamente da attuare alla struttura e con un eventuale aiuto per il pagamento del fitto della struttura. imageGli interventi del Comune si fermano a questo, ha chiarito il Sindaco Antonio Coiro, sia per le competenze che il comune di Sant’arsenio ha in merito ed anche per le esigue risorse economiche in dotazione al comune”. Le organizzatrici dell’incontro si sono ripromesse di costituire un’associazione alla quale possono aderire tutti i cittadini attraverso la quale promuoveranno, tra le altre cose, la sterilizzazione dei cani anche di proprietà, oltre a sensibilizzare i cittadini. Ed inoltre hanno espresso piena disponibilità a collaborare insieme alla locale Polizia municipale per mettere in atto un censimento dei cani sul territorio comunale per punire eventuali trasgressori e collaborare alla riduzione del fenomeno di abbandono. imagePresenti all’incontro diversi cittadini, il Comandante della Polizia municipale, Giovanni Landolfi ed anche il vice sindaco del Comune di San Pietro al Tanagro, Antonio Pagliarulo che ha assicurato interesse ed impegno verso il progetto da parte dell’amministrazione sanpetrese. Il problema randagismo nel Vallo di Diano  potrebbe trovare un’efficace soluzione nell’attivazione, attesa ormai da tempo, del canile comprensoriale nel Comune di Sala Consilina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#