Il Soprintendente Miccio lascia l’incarico. Guiderà il segretariato in Molise

Il Soprintendente per i beni paesaggistici ed archeologici di Salerno, Gennaro Miccio, lascia l’incarico per trasferirsi in Molise dove  guiderà il Segretariato regionale , il nuovo organismo introdotto dalla riforma del Ministro Franceschini con la quale sostanzialmente non cambia nulla in materia di responsabilità  e di  incarichi. In un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Mattino”, Miccio chiarisce che per lui “la vicenda Crescent è chiusa”.   In merito al nuovo incarico ha commentato “A sessant’anni ci reinventiamo, è un ruolo per me del tutto nuovo e stimolante”. Nell’intervista rilasciata a Mattia Carpinelli, l’ex Soprintendente  non manca  di rimarcare “le difficoltà in cui versa l’ente, con un taglio continuo di risorse e personale. Quest’ultimo, aggiunge infatti Miccio, deve far fronte ad una montagna di documenti da esaminare, valutare ed archiviare. C’è stato un incremento dell’attività amministrativa e burocratica all’interno dei nostri uffici, ha raccontato Miccio, che ha finito con l’esaurire totalmente i tempi di lavoro di un personale già ridotto e mai rigenerato negli ultimi vent’anni. Si lavora in condizioni difficili, ha denunciato Miccio, spesso senza risorse e strumenti.  Nonostante le difficoltà continua Gennaro Miccio, ci sono state anche le soddisfazioni per aver completato numerosi lavori di restauro  in diversi monumenti della Provincia di Salerno, dalla Certosa di Padula al Duomo di Salerno, dalla Cattedrale di Amalfi a San Pietro a Corte senza dimenticare i musei diocesani”. Il successore ad “interim”  di Gennaro Miccio sarà Salvatore Buonomo attuale soprintendete per i beni architettonici e paesaggisti per le provincia di Caserta e Benevento che assumerà tutte le funzioni per un tempo limitato di 15 giorni in attesa della nomina ufficiale del successore di Gennaro Miccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#