Sito del Comune di Polla diventa sito “hard”: è anche colpa del significato spagnolo di “Polla”!

E’ arrivato in poche ore alla ribalta nazionale il caso del sito istituzionale del Comune di Polla, sparito misteriosamente da ieri dal web e sostituito da una piattaforma hard, dedicata ad annunci per incontri extra-coniugali e sesso per adulti. Una vicenda sconcertante, sulla quale è giunta immediata la reazione furiosa del sindaco di Polla Rocco Giuliano, che ha parlato di “atto ignobile” annunciando querela contro ignoti per interruzione di pubblico servizio e per i danni di immagine arrecati al comune pollese.

Comune di polla

E mentre dunque si attendono i riscontri della Polizia Postale per individuare le cause ed eventualmente i colpevoli di quanto accaduto, ancora nella tarda mattinata di oggi  digitando l’indirizzo web www.comune.polla.sa.it, o ricercando sul motore di ricerca di Google la voce “Comune di Polla” si veniva indirizzati allo stesso sito a carattere hard. Al posto delle classiche voci dedicate alla composizione degli organi di Governo e all’albo pretorio on-line gli internauti sbigottiti si ritrovavano a leggere link dedicati al sesso occasionale, alle web cam e agli incontri per adulti. Poi, finalmente, nel primo pomeriggio di oggi il sito istituzionale del Comune di Polla è tornato on-line, e la situazione è tornata alla normalità. Ovviamente a Polla e nel Vallo di Diano non si parla d’altro, la notizia è commentata nei bar ed ovunque, spesso condita con un pizzico di ironia.  A contribuire all’incredibile vicenda una particolarissima coincidenza: il significato in spagnolo del nome “Polla”, che manco a farlo apposta coincide con l’organo riproduttivo maschile. Per verificare basta fare una semplice ricerca su un dizionario spagnolo-italiano.

google-translate-POLLA

Ecco dunque che, sparito per cause ancora tutte da accertare dal web il sito istituzionale del comune di Polla, al suo posto google in automatico potrebbe aver associato i link hard legati al significato spagnolo del nome “Polla”. Insomma davvero una sfortunata coincidenza che avrebbe contribuito a trasformare la situazione di disagio generata dal black out del sito istituzionale in una vicenda destinata a fare notizia a livello nazionale. E dunque ancora una volta, a distanza di poche settimane, a riportare il Comune di Polla sotto i riflettori suo malgrado, dopo il caso e le polemiche che hanno fatto seguito all’Ordinanza sul Carnevale 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *