Caldoro e il boicottaggio del Pd “spaccano” il Vallo di Diano tra stipendi non pagati e accuse reciproche

L’incontro di Caldoro ha evidenziato e aumentato la frattura tra i Comuni – di diverso colore politico – del Vallo di Diano e paesi limitrofi. Il “boicottaggio” del Pd ha di fatto scavato un solco ben più evidente. Caldoro ha sbottato. “Persa un’occasione per la Comunità”. Il sindaco Rocco Giuliano parla di mancato rispetto verso un Comune del Vallo Di Diano, Polla, da parte delle amministrazioni del Pd  e anche della Comunità Montana Vallo di Diano e Valentino Di Brizzi rincara la dose. “Gli amministratori del Pd locale dimostrano, ancora una volta, la loro incapacità ad amministrare un territorio. Pur di evitare il confronto, con la massima autorità istituzionale campana, lamentano un’assenza senza elencare le cause delle problematiche evidenziate.  Sulla questione Tribunale, anziché lamentare un mancato sostegno del presidente Caldoro, ci facessero spiegare dall’allora Presidente del Consiglio Enrico Letta (eletto parlamentare nel nostro collegio e sostenuto da gran parte degli amministratori locali) il perché dell’ accorpamento al Tribunale di Lagonegro. Si conferma, dunque, che lo spirito di questi amministratori, ormai sulla scena politica da più di vent’anni, non mira ad affrontare e provare a risolvere le problematiche”. “Siamo troppo vicini alle elezioni per non avere qualche legittimo sospetto sulle finalità della visita del presidente Caldoro nel Vallo di Diano”. Così, invece, Donato Pica, consigliere regionale campano del Partito Democratico. “Caldoro ancora una volta non ha convinto – sottolinea Pica – Voglio solo ricordare che il problema degli idraulico-forestali è ben lungi dall’essere risolto. Non mi risulta – aggiunge – che la Regione abbia erogato le somme spettanti ai Piani di Zona. Proprio per questo, sull’argomento, stamane ho presentato interrogazione”.

Occorre infine aggiungere che a margine dell’incontro di Polla nella sala giunta del municipio Caldoro ha incontrato alcuni amministratori presenti (una decina), tra questi il presidente della Comunità montana Tanagro, Giovanni Caggiano. I temi sono stati la mancata, per ora, erogazione di alcuni fondi regionali e ancora una volta gli idraulici forestali con Caldoro che ha spiegato di aver sbloccato i fondi per gli stipendi. Caggiano – secondo quanto trapelato – non è però molto convinto di questa situazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *