Consorzio di Bacino: Esposito è il nuovo commissario liquidatore. Canfora revoca l’incarico a Siano

Arriva la decisione del presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, in merito al cambio del commissario del Consorzio di Bacino Sa3. Dopo le recenti polemiche – con tanto di dossier presentato contro la gestione di Giovanni Siano -, Canfora ha nominato Vittorio Esposito. Lo si legge dal sito della Provincia di Salerno (Decreto numero 38). Siano era diventato commissario liquidatore nel settembre del 2010 per le attività inerenti il ciclo integrato dei rifiuti. Il 25 marzo il presidente della Provincia ha provveduto a “revocare, con effetto immediato, l’incarico”.  E in seguito Canfora “nella necessità di procedere con assoluta urgenza alla nomina del Commissario liquidatore ed esaminato il curriculum di Vittorio Esposito che evidenzia la titolarità di idonei e appropriati requisiti di nominarlo nuovo Commissario liquidatore del Consorzio Rifiuti di Bacino Salerno 3”. Esposito è già stato presidente del Consorzio. Si ricorderà che a Siano sono state rivolte – in un dossier presentato alla Provincia – dure accuse sulla gestione economica del ramo di sua competenza. Allo stesso tempo, occorre anche ricordare che se Siano, uomo di centro destra, è stato nominato dalla giunta dello stesso colore politico (Cirielli), Esposito, uomo di centro sinistra, viene nominato da un presidente del suo stesso colore politico. Inoltre giova ricordare che entrambi sono di Sanza e da tempo sono in lotta politica anche nel piccolo paese alle pendici del Cervati. Tutto ciò con la parte più importante di questa vicenda: la situazione dell’Ergon (società partecipata del Consorzio per la gestione del ramo dei rifiuti), degli operai che non ricevono stipendi e con una lunga vicenda giudiziaria che ha visto i due protagonisti di questa vicenda spesso se non sempre in lotta tra loro. E poi una lunga serie di scioperi, proteste e problematiche sia per l’azienda che tratta rifiuti che per gli operai che per i cittadini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#