Consorzio di Bacino: Siano prepara il ricorso. E intanto resta custode giudiziario del ramo rifiuti

Il presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, ha revocato Giovanni Siano dall’incarico di commissario liquidatore del ramo rifiuti del Consorzio di Bacino Sa3, sostituendolo con il Vittorio Esposito. Questa è storia nota. Ma ora  – trapela – che l’ipotesi che  Siano impugnerà il provvedimento dinanzi al Tar, per esser reintegrato nel suo posto, come avvenuto per il Commissario liquidatore del Consorzio Bacino Sa4, sia molto probabile.  Tra Siano ed Esposito occorre ricordare è in atto anche un aspro contenzioso, ancora in corso nel Consorzio, tra il Commissario e l’organo di gestione ordinaria del’Ente, di cui Esposito è presidente. Siano ha più volte chiesto ad Esposito di metterlo in condizione di riscuotere i crediti del Consorzio, maturati precedentemente alla sua nomina, ma Esposito ha sempre opposto un netto rifiuto, accusandolo di voler distrarre somme che non sarebbero di spettanza della gestione liquidatoria. Una strada che sembra senza uscita. La nomina di Esposito (ma anche se fosse stato un altro commissario) pone anche un altro problema: quello del coordinamento dell’attività del nuovo commissario con il ruolo di Siano di custode giudiziario del ramo rifiuti, sequestrato dal Tribunale di Salerno, in danno del Consorzio e della Ergons spa, la società operativa del settore.    Decisione che venne prese dopo un lungo contenzioso. Cosa succederà quindi all’interno del Consorzio?

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *