Tribunale & Ricorso al TAR, il Comune di Sala C. non paga: cartelle Equitalia a 9 avvocati

Il Comune di Sala Consilina non paga tutti i contributi dovuti relativi al Ricorso al TAR contro il trasferimento del Tribunale a Lagonegro, ed Equitalia bussa alle porte degli avvocati di Sala Consilina che apposero la loro firma in calce al ricorso. Ed si tratta di un conto salato: 4mila 250 euro, circa 470 euro a testa.  A portare alla ribalta la paradossale vicenda, dandone la propria versione in una conferenza stampa convocata questa mattina, sono i 9 avvocati di Sala Consilina ai quali l’allora sindaco Gaetano Ferrari chiese, nel mese di Settembre 2013, di firmare il ricorso al TAR  per dargli consistenza:  il ricorso infatti poggiava sull’inagibilità e l’inadeguatezza del Tribunale di Lagonegro, e dunque a sostenere la tesi non poteva essere solo lo stesso Comune salese. Era necessario che a ricorrere fossero gli utenti o chi nella struttura lagonegrese avrebbe lavorato, e dunque gli avvocati. Furono 9 gli Avvocati che accolsero l’appello dell’allora sindaco Ferrari: Angelo Paladino, Teresa Paladino, Sonia Alfisi, Noemi Errico, Felice Arnone, Alessandro Carrazza, Silvia Viola, Riccardo Russo e Rosy Pepe. L’amarezza degli avvocati per la vicenda è riassunta nel documento che pubblichiamo qui a seguire. (Fare click sulle immagini per ingrandire)

1 2

Il sindaco Ferrari, e dunque l’amministrazione comunale salese dell’epoca, assicurarono -sempre secondo gli avvocati- anche attraverso una delibera che le spese del ricorso sarebbero state a carico del Comune. Promessa per la verità mantenuta dallo stesso Ferrari, che finchè è stato in carica ha assicurato il pagamento del contributo unificato per il ricorso e delle altre spese notificate. Il problema nasce però dopo che il ricorso è stato respinto ed archiviato, e dopo che il TAR effettua nuovi conteggi, dai quali emerge che c’è una quota aggiuntiva da pagare, pari ad ulteriori 1250 euro. Intanto però a Sala Consilina ci sono state le elezioni amministrative, ed il sindaco non è più Gaetano Ferrari. Al momento della notifica al Comune -secondo quanto affermato dagli avvocati salesi- la nuova amministrazione in carica non provvede al pagamento di questi altri contributi. Nel frattempo passa un altro anno, e 1250 euro diventano 4250 euro. E le relative cartelle di Equitalia arrivano questa volta direttamente agli avvocati, ai quali precedentemente non era stata fatta alcuna notifica. Sempre secondo gli avvocati salesi il primo cittadino Francesco Cavallone avrebbe ribadito che il Comune non è tenuto a pagare questa somma, perchè la cifra impegnata attraverso la relativa delibera per il Ricorso al TAR era di molto inferiore ed è stata già corrisposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#