Sversano abusivamente liquidi sospetti nelle fognature di San Pietro. Il fiume a Sant’Arsenio diventa nero e nauseabondo

fiume neroNella serata di ieri un uomo di Sant’Arsenio transita, in bici, sul ponticello della strada che fa da confine tra Sant’Arsenio e San Pietro al Tanagro, alle spalle dello stadio e sente un odore acre arrivare dal fiume. Si ferma e controlla. Da una fogna laterale ecco l’amara sorpresa: un fiume nero scende dalla bocca del tubo e va a finire nel fiumiciattolo. Allora vengono allertati i carabinieri e i vigili del fuoco. Sul posto arriva l’Aliquota Radiomobile guidata dal maresciallo Mario Gentile. I militari cominciano a effettuare i primi accertamenti. L’odore è nauseabondo, il fiume nero continua a scendere: è un misto di olio e liquidi di chiara natura inquinante. L’acqua del canale diventa ben presto scura, oliosa. Nel frattempo arrivano anche i vigili del fuoco del Distaccamento di Sala Consilina con il comandante Luigi Morello. Mentre i militari continuano a cercare l’origine di quanto sta avvenendo, con il supporto dei tecnici comunali di Sant’Arsenio e San Pietro al Tanagro (e poi anche di Polla) e con la presenza degli amministratori dei primi due paesi, i vigili del fuoco recuperano parte del liquido dal fiume e lo conservano per possibili futuri esami. Il fiume nero scende per ore con un possibile, possibilissimo, danno ambientale. I carabinieri – tre le pattuglie interessate – continuano le ricerche e con la collaborazione dei militari della stazione di Polla (alla presenza del maresciallo Giovanni Cunsolo) si trova l’origine di quanto sta avvenendo. A qualche centinaia di metri in linea d’aria c’è il depuratore di San Pietro al Tanagro. Qualcosa non va. Un recinzione laterale è piegata. I carabinieri impiegano poco per capire cosa possa essere avvenuta. L’erba del terreno che costeggia il depuratore è schiacciata, la recinzione piegata. Qualcuno ha sversato qualcosa nel depuratore. Carabinieri, tecnici comunali e poi vigili del fuoco entrano nell’area, il liquidi nero è presente in una delle vasche. E ci sono tracce tutto intorno.  Scattano quindi gli accertamenti e le indagini. Nel frattempo il danno ambientale sembra essere consistente, con il liquido che per ore è uscito dal tubo ed è entrato nel piccolo fiume che termina poi la sua corsa nel Tanagro. Un possibile disastro ambientale sulla quale le forze dell’ordine si sono messi subito all’opera per far luce.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#