Comune di Auletta contro Antenna Vodafone-Omnitel, il TAR da ragione al sindaco

La I Sezione del TAR SALERNO, con ordinanza del 16 luglio 2015, ha  accolto le osservazioni del Comune di Auletta, difeso dall’Avv. Nicola Senatore, ed ha respinto l’istanza cautelare presentata dalla Site spa. La vicenda è quella che vede contrapposti, da mesi, il Comune  e la SITE SPA, la quale intende realizzare nel territorio di Auletta una infrastruttura per collegamento ponte radio – Omnitel Vodafone. Il provvedimento di diniego adottato dal Comune è pienamente legittimo, ha affermato il Sindaco Pessolano, perché conseguente alla carenze progettuali e documentali dell’istanza presentata dalla Società Site spa., e, in ogni caso, è conforme all’ordinanza n. 279/2015, con la quale il TAR Salerno già si è pronunciato sulla vicenda a seguito di un precedente ricorso della medesima Società Site spa. Abbiamo intrapreso un percorso, amministrativo prima e giudiziario poi, in difesa degli interessi dei cittadini di Auletta, ha continuato il Sindaco Pessolano, respingendo una istanza che, così come formulata, non presenta i requisiti di legge previsti anche a garanzia della  compatibilità dell’opera che si vuole realizzare con il contesto ambientale, sia sotto il profilo dell’impatto sulla salute che sulle condizioni paesaggistico-ambientali. Oggi, nell’esprimere la soddisfazione mia e della intera Amministrazione Comunale per l’esito del giudizio, sento di dover ringraziare i competenti Uffici Comunali e l’Avvocato del Comune per l’attenzione e per la professionalità con cui stanno curando il procedimento amministrativo e la difesa dinanzi alla giurisdizione amministrativa, permettendoci di far valere le giuste ragioni dell’Ente. Questo primo risultato,  rappresenta un ulteriore stimolo a proseguire  la battaglia intrapresa, rafforzando la convinzione che gli obiettivi di  tutela ambientale, intesa soprattutto come salvaguardia delle condizioni di salubrità del territorio, devono prevalere rispetto a qualsiasi altra esigenza.

Riceviamo e pubblichiamo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#