Cisterna ribaltata ad Atena Lucana: denuncia del Comitato No Petrolio: “Container sospetto a pochi metri dall’incidente”

Fa ancora discutere l’autocisterna che si è ribaltata sulla strada del Fondo Val d’Agri ad Atena Lucana sversando sull’asfalto il proprio carico: ovvero acqua di scarto proveniente dal Centro Oli di Viggiano. Infatti il Comitato No Petrolio denuncia la presenza, nel pressi dell’area di sosta a pochi metri dall’incidente di un container “sospetto”. “Sono 5 giorni – scrivono – che questo cassone ben coperto, anonimo e sorvegliato si trova nell’area di sosta della ss 598, nei pressi del luogo dell’incidente (avvenuto il 15 luglio scorso) che ha visto coinvolti un’automobile e una autocisterna che trasportava acque di lavorazione di trivellazioni petrolifere. Sappiamo che contiene una parte delle stesse acque recuperate. Perché resta fermo lì da tutti questi giorni? Perché il comune di Atena non è stato informato di questa sosta?”.

Occorre anche ricordare che in merito all’incidente due parlamentari di Sel della Basilicata hanno presentato una interrogazione al Ministro dell’Ambiente per capire se ci possano essere pericoli per la cittadinanza e anche gli amministratori del Comune di Atena Lucana hanno manifestato una certa preoccupazione sul caso.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#