Polla tra le tappe del “Collare D’Oro di Razza e Meticci”. Appuntamento a domani

foto 1 collare d'oroAncora la provincia di Salerno protagonista con il Collare D’Oro di Razza e Meticci, il concorso di bellezza per cani e cagnoline che sta spopolando in tutta Italia. Nella serata di domani, domenica 26 luglio, sarà la volta di Polla e Mercato San Severino. Le due cittadine sono pronte ad accogliere la manifestazione con entusiasmo. A Polla il Collare D’Oro torna dopo tre anni, mentre, per Mercato San Severino si parla anche come sede, da ufficializzare nelle prossime settimane, per la finale regionale del Collare D’Oro. Due appuntamenti da non perdere con l’eccezionale partecipazione di due coppie uniche di presentatori:  “La Coppia Barboncina”, con Adolfo Annechiarico e Assunta Di Pietro, a Polla e “I Dalmata” coppia formata da Pasquale Caliendo e Marianna Grammatica a Mercato San Severino.

Il Collare D’Oro di Razza e Meticci è un concorso è strutturato in  varie prove ed esibizioni libere, e sono assegnati vari premi: c’è il titolo “Affinity”, il cane che somiglia di più al padrone, quello “Obbedienza”, il cane più obbediente. C’è poi il premio “Simpatia”, il cane più simpatico della selezione e quello “Barbetta Bianca” che premia  il cane più anziano della manifestazione. Ci sono poi il titolo “Lady Cagnolina”, con la cagnolina più bella e quello “Mister Cane” con il cane più bello. Per ogni premio abbiamo previsto il Collare d’oro al primo classificato, il Collare d’argento al secondo classificato ed il Collare di Bronzo al terzo classificato e infine il premio edizione assegnato dalla produzione.

Soddisfazione nelle parole del patron della manifestazione nazionale Francesco Procopio

“Il Collare D’oro di Razza e Meticci è stato ideato dal sottoscritto nel 2012 con il debutto avvenuto a Narni in provincia di Terni con la tappa di battesimo – commenta Procopio. Nel 2013 è andato di scena in cinque regioni, nel 2014 in oltre sette regioni e quest’anno, nel 2015, in oltre quindici regioni. La filosofia del concorso e quella di divertire con un pizzico di competitività e la mia esperienza trentennale, nel mondo della moda, del cinema e della televisione ha reso il tutto  simile ad un qualsiasi concorso di bellezza per bipedi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#