Pertosa, sabato al MIDA1 la X edizione del “Premio Impresa Etica”

Anche quest’anno, sabato 17 ottobre, alle 17.00, presso l’auditorium del MIDA1di Pertosa, si terrà l’annuale convegno sul lavoro nero e la X edizione del “Premio Impresa Etica”, onorificenza conferita ai titolari di una piccola-media impresa che si siano distinti per il rapporto, appunto etico, con i propri dipendenti nel rispetto delle regole contrattuali e dei diritti dei lavoratori.

In seguito alla recente, tragica morte della bracciante pugliese Paola Clemente, deceduta per sfinimento, per le condizioni estreme in cui lavorava nelle campagne del tarantino, il convegno quest’anno avrà il titolo “Morire di lavoro” e  si occuperà delle condizioni lavorative e dello sfruttamento degli operai in agricoltura e dell’antica, e sempre attuale, “piaga sociale” del caporalato.

Interverranno relatori di spicco come Anselmo Botte, segretario provinciale della CGIL e scrittore, uno dei maggiori esperti nazionali di questi fenomeni, che proprio in questi giorni ha prodotto alle Forze dell’Ordine un dossier sul “caporalato per etnia”. Parteciperanno,ancora e sempre autorevolmente, il medico Franco Musumeci che parlerà dei suoi studi sulle malattie professionali in agricoltura e il giornalista de “Il Mattino” Antonio Manzo che da tempo scrive di lavoro nero e caporalato.

E’ attesa anche la partecipazione di esponenti di rilievo dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Il “Premio Impresa Etica” quest’anno non poteva essere conferito che ad un’azienda agricola! L’impresa scelta è la ditta D’Amato Rosa che,ovviamente, opera eticamente nella Piana del Sele e precisamente nel Comune di Eboli.

La manifestazione, organizzata dal Comune di Pertosa, ha al momento il patrocinio della Fondazione Mida, del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione dell’Università di Salerno e della Confartigianato di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *