ACI-ISTAT, battuta d’arresto nel calo delle vittime stradali. Nel salernitano incremento del numero di vittime

Battuta d’arresto nella riduzione delle vittime della strada in Italia, mentre rallenta, ma non si ferma, il calo degli incidenti e dei feriti. Come rileva l’ultimo Rapporto ACI-ISTAT, nel 2014 rispetto al 2013, il numero dei morti sulle nostre strade è diminuito dello 0,6% a fronte di una flessione del 2,5% dei sinistri e del 2,7% dei feriti. L’Italia, nel 2014, è scesa dal 13° al 15° posto nella classifica europea dell’incidentalità sulle strade aumentandone la percentuale  al 55,6% ( rispetto alla media del 51% ). A Salerno e provincia si è verificata una modifica del trend in decremento fino al 2013; infatti, dai dati ISTAT 2014 emerge che a fronte di una sinistrosità rimasta pressochè invariata è aumentato considerevolmente il numero dei morti mentre il numero dei feriti è rimasto stabile. Dai dati ISTAT 2014 risulta che il numero di incidenti più alto avvenga sulle strade urbane, mentre maggiore è il numero di morti sulle strade provinciali e regionali e sui rettilinei. Le principali cause sembrano essere l’alta velocità, seguita da distrazione dovuta all’eccessivo utilizzo dei cellulari quando si è alla guida; da atti scorretti ed imprudenti sulla strada e corresponsabilità di pedoni. Per quanto riguarda la tipologia del mezzo, a rimanere coinvolte negli incidenti sono in primis le autovetture, poi i veicoli pesanti, ciclomotori e velocipede. Il maggior numero di incidenti sembra avvenga il mercoledì tra le 10 e le 13; mentre il maggior numero di vittime si ha di domenica, tra le 14 e le 17. A perdere la vita sono per lo più uomini che donne con un età compresa tra i 30 ed i 54 anni.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *