De Luca “scarica” Mastursi: “Fa il suo lavoro come tanti. A volte lo fa male”

C’è molto del Vallo di Diano in quanto sta avvenendo a Palazzo Santa Lucia, sede della Regione di Napoli. C’è soprattutto molto Padula. La figura di Carmelo Mastursi è infatti al centro dell’attenzione mediatica per l’indagini a carico del governatore Vincenzo De Luca (e a carico di Mastursi stesso). Mastursi, padulese d’origine (dove ha vissuto fino a quando si è trasferito a Salerno prima per studi e poi per lavoro), è il braccio destro di De Luca e avrebbe – secondo quanto trapela – avuto contatti con il marito della magistrato Scognamiglio in merito a paventate promesse. Una situazione intricata che si diramerà – si spera – nel corso delle indagini. Ma intanto proprio De Luca “scarica” Mastursi con il quale ha cominciato a collaborare ai tempi della battaglia del latte e dei contadini proprio nel Vallo di Diano.  Durante l’intervista che De Luca ha concesso al Mattino, il governatore ha così parlato di Mastursi: “Cito Montale: ‘Non chiederci la parola…’. Non è Winston Churchill, né Cavour. E’ una persona che fa il suo lavoro come tante. A volte bene, a volte male”. Di fatto scaricando il padulese (che torna a casa di rado).  In merito al sequestro del cellulare di Mastursi, De Luca ha riferito che il suo braccio destro ed esponente forte del Pd salernitano, gli aveva riferito che si trattava di una “sciocchezza”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#