Cgil, Cisl e Uil dichiarano lo stato di agitazione del settore sanitario in Provincia di Salerno

Cgil, Cisl e Uil dichiarano aperto lo stato d’agitazione nell’ambito del settore sanitario in provincia di Salerno. la decisone giunge a margine di un’assemblea delle organizzazioni sindacali presso l’ospedale Ruggi d’Aragona, svoltasi nella serata di sabato, durante la quale il direttore generale Viggiani ha illustrato la riorganizzazione di tutti i plessi dell’azienda ospedaliera, in base alla richiesta osservanza della legge 161/2014. La riorganizzazione prevede la sospensione delle strutture sanitarie di Cava, Mercato San Severino, Castiglione di Ravello. Così i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Di Serio, Buono e Pirone, presenti all’incontro e preoccupati dal quadro di riorganizzazione, hanno indetto un presidio all’Asl di Salerno per domani, martedì 22 dicembre  a partire dalle ore 9, per denunciare l’ulteriore riduzione dei servizi di assistenza della sanità, che inasprisce le condizioni di lavoro degli operatori del settore ed esaspera le criticità dei servizi ospedalieri e di assistenza sanitaria per tutti i cittadini della provincia di Salerno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *