L’albero di Natale della Pace: messaggio di fratellanza di un cittadino di Balvano

Le feste natalizie e di fine anno sono sempre un momento di riflessione e di bilancio soprattutto per ciò che ci circonda, per i cambiamenti positivi o per quelli negativi che ci vengono imposti dalle circostanze.

12434344_10205178050920386_729161074_n 12436105_10205187542237663_1075349318_n

Il 2015 che ci lascia è un anno graffiato in profondità dai cambiamenti climatici, da una economia che non risale ma soprattutto dall’ondata di terrorismo che ha insanguinato il mondo. Ogni fine anno ci si rende conto che la violenza e la cattiveria umana ha sempre più rilievo nelle notizie diffuse dai media e si rende necessaria una presa di coscienza per poter arginare il male che avanza spinto dall’egoismo e dal mancato rispetto del prossimo.

albero della pace 1 albero della pace 2

In quest’ottica di sensibilizzazione verso una presa di coscienza, Raffaele Le Caldare, un perito elettronico 47enne di Balvano (PZ), ha voluto realizzare “L’albero della pace”, un albero di Natale molto particolare, intriso di messaggi di pace e fratellanza. La particolare opera realizzata da Raffaele, messa su in poco meno di un mese in orario serale ed alta 2 mt., proprio per il particolare messaggio di pace, sarà esposta nella chiesa di Santa Maria Assunta in Balvano, grazie alla disponibilità del parroco Don Rocco Ossoa dal 31 dicembre al 3 gennaio prossimo. “Ho realizzato, con materiali poveri, quest’albero per lanciare un messaggio di pace all’intera umanità – sottolinea Raffaele Le Caldare – visto il periodo di conflittualità che oggi stiamo vivendo. Raffigura un Angelo che ha come ali il mondo affinché il nostro pianeta possa volare lontano, ed è vestito delle bandiere di tutte le Nazioni; nella parte inferiore si uniscono due mani in segno di pace . La natura dei conflitti é sempre il denaro che dovremmo utilizzarlo per aiutare il prossimo piuttosto che costruire bombe. Sulla base dell’albero c’è la Bandiera della Pace, mentre il puntale è costituito dall’aureola dell’angelo, il suo viso e’ una colomba come segno di speranza e di pace universale. Concludo con una frase tratta dal diario di Anna Frank : L’uomo nell’intimo profondo e’ buono……..questo e’ un grido di speranza qualcosa potrà cambiare

Quintino Di Vona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *