La ricetta per il turismo dell’assessore Matera: “Dialogo pubblico-privato, la bellezza dei luoghi e il turismo come sistema”

 

 

materaIl neo assessore allo Sviluppo e alla promozione del Turismo della Regione Campania, il teggianese Corrado Matera, ha scritto una lettera aperta a “La Repubblica” per spiegare quale sarà la sua strategia per il turismo. L’esponente dell’Udc, da poco scelto dal governatore Vincenzo De Luca per guidare un settore fondamentale per la Regione, ha scritto una missiva alla redazione di Napoli del giornale. “La precondizione – scrive Matera rispondendo alle sollecitazioni di Domenico De Masi – è che non esistono verità facili da imporre ma ragionamenti da fare attraverso il dialogo pubblico. Quello di De Masi a Ravello resta un modello da seguire soprattutto per la sua capacità di proiezione internazionale e per aver saputo costruire un immaginario di riferimento partendo dall’esistente: ovvero dalla bellezza dei luoghi”. Matera entra nello specifico: “E’ mia intenzione creare una sperimentazione di modelli di governance che consentano il dialogo tra pubblico e privato e che sappiano incarnare sotto il profilo operativo lo spirito della nuova legge regionale”.  Ovvero costruire i poli turistici come i soggetti su cui ricade la competenza di organizzare l’accoglienza in riferimento alle diverse bellezze campane.  “La politica – sostiene Matera – non deve essere invasiva ma avere un approccio leggero. Fondamentale  è creare un sistema di accoglienza efficiente. Finora – scrive ancora l’avvocato – si è ragionato di turismo con scarsa attenzione alle dinamiche storiche. Il turismo non è stato concepito come sistema all’interno di un processo consapevole. Il confronto pubblico resterà lo strumento più efficace per realizzare questo programma. Un programma che si pone l’obiettivo di dare vita a una semplice ma ambiziosa operazione che vuole essere allo stesso tempo economica e culturale”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#