De Luca incontra il comitato Curo. Consegnata la petizione popolare per difendere la Sanità valdianese

Una delegazione del comitato cittadino, Curo, che lotta per una buona Sanità nel Vallo di Diano, è stata ricevuta dal Governatore della Campania Vincenzo De Luca.  La delegazione composta da Claudine Rousseau, Giuseppe Pistone, Raffaele Cammardella, Marco Marra e Teresa Calvino, è stata ricevuta stamane all’ufficio regionale del Genio Civile di Salerno.

“La battaglia del comitato valdianese – si legge sul comitato – è iniziata lo scorso 13 ottobre e che ha visto in primis scendere in campo la popolazione non solo del Vallo di Diano e delle zone limitrofe (Tanagro, Cilento, Alburni, Basilicata), ma di un’intera fetta d’Italia ovvero quella che va dal sud di Napoli fino ad arrivare alla Calabria Settentrionale. Ci sentiamo di affermare dopo questo incontro di aver sempre creduto, fin dall’inizio, fortemente nella coerenza degli intenti del nostro governatore; di fatti il Governatore De Luca si è dimostrato vicino ai bisogni dell’intera popolazione Valdianese, ricordando, tra l’altro, di conoscere molto bene il nostro territorio. Le firme sono state tutte e diecimila consegnate nelle mani del nostro Governatore che con serietà ed attenzione si è mostrato anche molto interessato al progetto allegato. Infatti, tale progetto che riguarda l’ospedale di Polla-Sant’Arsenio è stato accuratamente redatto dal comitato e da un team di professionisti del settore”.
In conclusione il Governatore De Luca si è dimostrato molto entusiasta nel ricevere al suo cospetto due componenti del comitato molto giovane (under 30), ribadendo il concetto dell’importanza che i giovani campani costituiscono per la nostra regione.
Il Comitato “Uniti per la Rinascita degli Ospedali Polla Sant’Arsenio” terrà domani, 19 marzo, una conferenza stampa nella nostra sede in via Antonio Isoldi alle ore 12:00 per rendere noto nei dettagli quanto discusso quest’oggi e “per festeggiare tutti insieme il raggiungimento dell’ambito traguardo della consegna”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *