“Un paese quasi perfetto”, con Fabio Volo e Silvio Orlando, girato (anche) nelle Grotte di Pertosa-Auletta

E’ in sala da una settimana “Un paese quasi perfetto”, la commedia diretta da Massimo Gaudioso e interpretata da Fabio Volo, Silvio Orlando e Miriam Leone. Il film è un remake del film francocanadese “La grande seduzione” e racconta la storia di tre amici che vivono a Pietramezzana, paesino di fantasia nelle Dolomiti lucane (unione degli esistenti Castelmezzano e Pietra Pertosa) di cui cercano di risollevare le sorti. Domenico, Nicola e Michele non si rassegnano alla cassa integrazione e cercano di restituire dignità a quello che un tempo era un laborioso centro minerario. L’occasione sembra essere l’apertura di una nuova fabbrica, ma oltre al reperimento di una cifra consistente da parte della banca locale diretta da Nicola si richiede la presenza di un medico in loco, figura che a Pietramezzana manca da tempo. Per fortuna passa di lì Gianluca Terragni (Fabio Volo), un chirurgo plastico del Nord che deve scontare un’infrazione: quale punizione migliore che costringerlo a praticare in paese per un mese, potendo così mostrare la sua presenza agli investitori della fabbrica? Tra le location utilizzate da Gaudioso per il film, anche le Grotte di Pertosa-Auletta, dove è stato ricostruito l’ingresso della miniera dismessa di Pietramezzana. Un film, dunque, che al di là del suo valore cinematografico, è l’occasione per valorizzare alcuni scorci paesaggistici spesso ingiustamente trascurati dai percorsi turistici e dalle varie Film Commission, come le nostre bellissime Grotte.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *