Nuovo piano ospedaliero. CittadinanzAttiva preoccupata: “Vogliamo incontrare il governatore De Luca”

Suscita perplessità la bozza sul nuovo Piano di rimodulazione e riqualificazione della rete ospedaliera. Piano che declasserebbe il nosocomio di Polla, tra le altre cose. “Preoccupazioni scaturite soprattutto dai criteri seguiti nello stabilire il numero delle strutture ospedaliere – scrive cittadinanzattiva – in funzione dalla prima fase di attuazione e da una non appropriata attenzione dimostrata nei confronti delle zone più disagiate (Cilento, Alta Irpinia, Calore eccetera)”.

I dati sulla popolazione della Regione Campania consentono di prevedere fino a un massimo di 73 presidi; in fase di partenza, il Piano ne prevede solo 45. “Un numero sicuramente basso, se si considerano i disagi vissuti dagli utenti campani costretti a fruire quotidianamente dei servizi sanitari. Inadeguata, sembra, anche la programmazione di posti letto nelle zone ad alta densità demografica (Napoli e zone limitrofe)”.

La questione legata alle notizie che circolano sul documento che illustra la programmazione della nuova rete ospedaliera è stata affrontata dalla Segreteria Regionale di Cittadinanzattiva. Erano presenti il presidente Nando Iavarone, il referente della rete sanità TDM regionale Antonio Gambacorta, il segretario Maria Settembre, il vicesegretario Mario Fortunato, il coordinatore Napoli Collinare Antonio Cavallaro e Antonio Bassotti di Napoli Ovest.

La riunione ha prodotto la richiesta di confronto urgente con il Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca, al Commissario Straordinario Joseph Polimeni e al Presidente della V Commissione Consiliare Lello Topo, al fine di fornire risposte adeguate alle popolazioni ed evitare futuri contenziosi. Contestualmente sono state invitate le 30 sedi di Cittadinanzattiva in Campania a voler fornire alla Segreteria Regionale osservazioni dettagliate relative ai territori e alle strutture sanitarie di pertinenza. Ciò per garantire tutela ai cittadini, in ossequio ai principi della Carta Europea per i Diritti del Malato e poter apportare appropriati suggerimenti utili a migliorare la bozza del nuovo Piano.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *