Sedie di lusso nell’aula consiliare di San Pietro al Tanagro: spesi 4.500 euro per due poltrone

Quante volte si è sentito dire che i politici siano attaccati alla poltrona. Che non vogliono lasciarla a nessun costo, nel senso che metaforicamente non intendono lasciare un ruolo politico. A San Pietro al Tanagro il motivo non è soltanto metaforico ma reale. Lasciare la poltrona in consiglio comunale significa lasciare un posto da 2.250 euro circa. No, non stiamo parlando dello stipendio da consigliere ma del costo di una singola poltrona. Spulciando, infatti, tra le determine del piccolo Comune di San Pietro al Tanagro, spunta la fornitura di poltrone per la sala consiliare del 2011 e il pagamento delle relative fatture: 14 poltrone “Frau” – ovvero di alto design – da mille euro l’una. Ma anche un’aggiunta all’arredamento della sala consiliare. Ecco infatti che l’Amministrazione considera “opportuno completare l’arredo della sala consiliare con l’acquisto di due poltrone presidenziali per l’importo di 4.511 euro”. Sempre Frau, naturalmente. Tutto lecito, ovviamente e all’interno dei parametri previsti. Un acquisto effettuato anche per il prestigio della sala consiliare del nuovo comune di San Pietro, un modo per arricchirla con elementi importanti e poltrone “firmate”. E, infine, naturalmente anche un motivo in più per restare attaccati alla poltrona consiliare. Letteralmente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *