Fusione BCC di Sassano-Banca del Cilento e Lucania sud, il giudizio di imprenditori e clienti

Dal 1° Luglio è diventato realtà anche dal punto di vista civilistico ed operativo il processo di fusione tra la Banca del Cilento e Lucania Sud e la BCC di Sassano.

 

 

FUSIONE 1 FUSIONE 2

Abbiamo chiesto ad alcuni imprenditori e clienti del Vallo di Diano della ex BCC di Sassano, ora confluita nella neonata Banca del Cilento, di Sassano e del Vallo di Diano e della Lucania, quali sono state le conseguenze pratiche delle necessarie operazioni di fusione avviate dall’inizio del mese di Luglio. Nel nostro video-servizio le risposte degli intervistati.

FUSIONE 3 RID FUSIONE 5 RID FUSIONE 4 RID

La nuova Banca del Cilento, di Sassano e del Vallo di Diano e della Lucania è, ora, la più grande a Sud di Roma, con circa 150 dipendenti e 23 sportelli, in un territorio che abbraccia 107 Comuni: 54 in provincia di Salerno, 39 in provincia di Potenza, 7 in provincia di Cosenza e 7 in provincia di Matera. Ambiziosi i progetti del nuovo Istituto di Credito presente in tre Regioni e quattro Province e che ora conta quasi seimila Soci. Imminente la nuova apertura della filiale di Atena Lucana e poi, nei prossimi due anni, nuove aperture a Potenza e Matera. Soddisfazione per l’andamento delle procedure di fusione è stata espressa dal Direttore Generale Ciro Solimeno: “Tutto sta andando perfettamente -evidenzia Solimeno- nonostante le complessità insite nella natura di ogni operazione di fusione. Vale sempre la pena ricordare che non siamo neofiti da questo punto di vista, visto che abbiamo fatto un’altra fusione nel 2012 con la Lucania Sud e ben 6 filiali: tutto è andato nel migliore dei modi, come sta avvenendo oggi. Nella mie visite nel Vallo di Diano ho riscontrato grande entusiasmo da parte dei colleghi e della clientela -conclude il direttore Solimeno- e la cosa che più ci dà soddisfazione in questo momento sono gli inviti che riceviamo da parte degli operatori del Vallo di Diano per incontrarci e parlare di affari ”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *