Da Sala Consilina alle Olimpiadi di Rio 2016: l’irresistibile ascesa di Martino Sabia

“Mangia libri di Cibernetica, insalate di Matematica e a giocar su Marte va…”. Questa strofa tratta dalla celebre sigla di “Goldrake” si adatta bene a Martino Sabia, uno dei più acuti “cervelloni” che il Vallo di Diano abbia mai espresso.

MARTINO 3 MARTINO

Certo si tratta di un libero adattamento: il pane di Martino non è la Cibernetica ma l’Informatica, ed oggi non si trova su Marte a giocare bensì in Brasile a lavorare per le Olimpiadi 2016.

OLIMPIADI BRASILE MARTINO 2 OLIMPIADI BRASILE

Da Sala Consilina a Rio de Janeiro è comunque un bel volo, ancora di più se si opera in un settore così competitivo e particolare come quello che rientra nelle sfere di competenza di Martino. Un settore per pochi, una vera e propria elite nella quale il 45enne di Sala Consilina si è fatto apprezzare e rispettare grazie alla sua predisposizione e dedizione al mondo dell’informatica. E alla sua ferrea determinazione, che lo ha portato a superare ogni ostacolo.

OLIMPIADI BRASILE MARTINO 3 MARTINO 2

Quando dal 5 al 21 Agosto accenderete la Tv e guarderete le Olimpiadi, sappiate che i servizi informatici relativi alle gare che si stanno disputando (sia le informazioni che compaiono in video insieme alle gare vere e proprie, sia ciò che viene semplicemente consultato dai giornalisti che si occupano di servizi e  telecronache), sono frutto del lavoro di Martino Sabia e del suo team. Ovviamente abbiamo semplificato molto, ma quello che conta è che ci sarà un pò del Vallo di Diano e di Sala Consilina nelle telecronache delle Olimpiadi brasiliane diffuse in tutto il mondo.

MARTINO 5 POST IT MARTINO

Merito di Martino, che nasce in Germania nel 1971: ma il papà è originario di Sala Consilina, e dopo l’esperienza tedesca rientra in Italia nel 1981. Fin da piccolo il nostro “genio” valdianese è appassionato di informatica, e ben presto capisce che la sua passione coincide con quello che vuole fare nella vita. Insieme alla moglie Lina l’informatica è la cosa che Martino ama di più al mondo. Un predestinato, che grazie allo studio e all’applicazione ha sviluppato quello che era nel suo DNA, diventando un programmatore specializzato nell’infrastruttura informatica che sta dietro alla gestione dei dati dei vari siti web o anche di altri sistemi complessi.

LAVAGNA MARTINO UFFICIO 1

In gergo il suo campo di competenza si chiama “back end” ed è relativo alla parte “invisibile” di un sito o di un sistema, il motore che permette l’effettivo funzionamento delle interazioni chieste dagli utenti attraverso l’interfaccia del sito stesso o del sistema. Da Dicembre 2011,dopo aver fatto diverse esperienze di consulenza a livello nazionale, Martino ha avuto l’opportunità di fare da consulente per una importante società di servizi informatici per lo sport,  nella gestione del sito degli Europei di Calcio 2012.

POSTAZIONE LAVORO EUROPEI 2012 CAMPIONATI MONDIALI CANOTTAGGIO 2014

Questa opportunità ha reso necessario il suo trasferimento a Torino: la collaborazione doveva essere a termine, ma dopo circa un anno e mezzo e dopo la conclusione degli Europei, Martino è stato uno dei pochi consulenti ai quali la società ha proposto l’assunzione a tempo indeterminato. Da questo momento in poi ha lavorato come project leader ad alcuni importanti progetti, come il sito per la Federazione di Canottaggio in occasione dei Mondiali. E poi via a numerose trasferte per portare a termine prestigiosi incarichi in Romania, Messico, Venezuela ma anche a Dubai, Ginevra, Amsterdam. Fino all’attuale esperienza Brasiliana.

MARTINO E LINA 3 MARTINO E LINA 2

Ovviamente alle grandi soddisfazioni di Martino si affiancano i tanti sacrifici necessari per affermarsi professionalmente. In primis la lontananza dalla moglie Lina, che vive a Sala Consilina, e la difficile decisione di lasciare il Vallo di Diano presa nel 2011. Un legame fortissimo quello che unisce Martino e Lina, insegnante di scuola primaria, e che nasce fin dal mese di Settembre del 1990, con i fiori d’arancio che sono arrivati nel 2007.

MARTINO E LINA MARTINO E LINA 4

Con Martino cerchiamo di vederci almeno una volta al mese –racconta Lina– tanto per non perdere l’abitudine, e poi durante la mie e le sue ferie, che quasi mai sono coincidenti”. Ma com’è il carattere di un “cervellone”? “Diciamo che è determinato –rivela Lina- ma anche attento, curioso e idealista… ed anche pratico quando serve”.

MARTINO 9 LIBRO MARTINO

Tra gli hobby di Martino c’è la passione per la Pallacanestro, ma anche per la fotografia e la grafica. E nel (poco) tempo libero il “cervellone “ valdianese ha trovato il modo di scrivere e pubblicare un libro che è già un “cult” per gli sviluppatori che mirano a migliorare la loro produttività. “Strumenti Python per Visual Studio” il titolo del volume, reperibile su Amazon.

L’INTERVISTA

Abbiamo chiesto a Martino Sabia di spiegarci in cosa consiste il suo lavoro in Brasile in occasione delle Olimpiadi di Rio De Janeiro 2016.

MARTINO 10 rid

“In questi giorni –racconta Martino– sono in Brasile per conto di una azienda italiana con sede a Torino specializzata in servizi informatici per lo Sport. In occasione delle Olimpiadi estive a Rio de Janeiro, la mia azienda partecipa, tra le altre cose, anche come fornitore di servizi informatici per OBS (Olympic Broadcasting Services), che è l’organismo del Comitato Olimpico che si occupa della produzione televisiva delle Olimpiadi”. OBS riprende tutte le gare di tutte le discipline sportive e le trasmette su più di 60 canali in diretta satellitare, inoltre ha un bouquet di 12 canali satellitari che contengono video di gare in differita e ripetute. I canali sono offerti alle emittenti televisive di tutto il mondo, che le integrano con i commenti dei propri giornalisti, che sono presenti a Rio durante le Olimpiadi. Oltre a questo, OBS fornisce una serie di servizi informatici per offrire ai propri clienti (le televisioni) metadati sulle gare che si stanno disputando, consentendo ai giornalisti di accedere ai dati sportivi e televisivi in tempo reale. “Questi servizi –spiega Martino- si riassumono in un formato di dati particolari, chiamati BDF (Broadcaster Data Format) che è l’integrazione dei dati televisivi nei dati che descrivono le gare sportive. La mia azienda fornisce la piattaforma software di questo sistema, BDF Services, che è ormai giunta alla terza edizione delle Olimpiadi, dopo Londra 2012 e Sochi 2014 (Olimpiadi invernali)”. BDF Services si occupa di associare ai dati sportivi (programma delle gare, risultati, classifiche, biografie degli atleti e così via) i dati televisivi (dal palinsesto fino a cosa è inquadrato in un dato momento dalle telecamere su un dato campo di gara, le grafiche televisive e così via) con il relativo riferimento al video che riprende la gara stessa. “Oltre a questo -evidenzia Martino-  il sistema fornisce una serie di strumenti di gestione e controllo del flusso dei dati e controllo del palinsesto televisivo a seconda di ciò che accade sui campi di gara. Infine, viene fornita anche una piattaforma web con cui i giornalisti hanno la possibilità di navigare attraverso il palinsesto televisivo di OBS e, per ogni singola gara, conoscere in tempo reale la situazione e gli ultimi risultati”.

MARTINO E COLLEGHI

Il team di cui Martino Sabia fa parte insieme a Marco De Michelis, Lorenzo Fossati e Fabio Lonegro, a partire da Dicembre del 2015 si è occupato di aggiornare il sistema alle novità introdotte con queste Olimpiadi, un nuovo formato di dati, nuove discipline ed ampliare le funzionalità offerte dal sistema. “Ora mi trovo a Rio de Janeiro con Fabio –conclude Martino- per le attività di supporto “sul campo” in collaborazione con Marco e Lorenzo che dall’Italia ci aiutano a monitorare il sistema quasi per 24 ore al giorno”. Martino è partito per il Brasile il 19 di Luglio… e dopo le fatiche “Olimpiche” rientrerà in Italia il 24 Agosto prossimo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#