Panico al Centro Direzionale di Napoli: il racconto del Sindaco di Auletta Pietro Pessolano

C’era anche il sindaco di Auletta Pietro Pessolano tra le persone che questa mattina presso il Centro Direzionale di Napoli hanno vissuto attimi di vero panico. Erano circa le 7 quando un extracomunitario ha sottratto dopo una colluttazione una pistola ad una guardia giurata, puntandola poi sui passanti e seminando il terrore.

pietro pessolano

Tra le persone che si sono trovate ad assistere all’ennesimo episodio di follia c’era una delegazione proveniente da Auletta, guidata dal sindaco Pietro Pessolano e costituita tra gli altri dal Consigliere Antonio Addesso e dal Geometra Franco Tarateta, giunta al Centro Direzionale di primo mattino per un appuntamento in Regione. E dunque i rappresentanti aulettesi si sono trovati coinvolti loro malgrado in una scena drammatica, rischiando a loro volta di farne le spese. L’extracomunitario infatti  -da quanto si apprende- avrebbe tentato più volte di fare fuoco verso i passanti ma la pistola, si sarebbe inceppata  o forse era senza colpo in canna.  “Abbiamo assistito a una scena che sembrava irreale –racconta Pietro Pessolano da noi raggiunto telefonicamente- che ha scatenato la paura e il panico tra i presenti, che fuggivano e cercavano riparo in bar negozi e palazzi. A me invece –racconta il sindaco di Auletta a conferma del suo carattere determinato- è venuto l’istinto di reagire in qualche modo a questo atto violento che si stava consumando. Ma chi era accanto a me mi ha trattenuto, e poi per fortuna tutto si è risolto senza conseguenze per le persone”. Alla fine l’extracomunitario è stato bloccato presso la Chiesa del Centro Direzionale ed arrestato. Anche gli altri componenti della delegazione aulettese confermano di aver vissuto momenti di altissima tensione,  e che il sindaco Pessolano voleva intervenire. “Ma l’abbiamo bloccato in tempo” raccontano, tirando un sospiro di sollievo per lo scampato pericolo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#