Tragedia sulla Salerno-Reggio Calabria: indagato l’autista del furgone per omicidio colposo. La vittima in viaggio verso le vacanze

Rosaria Barone, 51 anni, era in viaggio verso le vacanze insieme al marito. Poi l’incidente tra gli svincoli di Sala Consilina e Padula e il dramma. Rosaria, impiegata nata e cresciuta a Cava de’ Tirreni ma residente da tempo a Taurano in provincia di Avellino, è morta dopo essere stata sbalzata fuori dall’abitacolo e travolta dal furgone che seguiva la vettura. Ferito, invece, il marito alla guida della Fiat Panda. Sulla dinamica del sinistro stanno indagando gli agenti della Polizia stradale del Distaccamento di Sala Consilina guidati dall’ispettore capo Rufino Tortora. La prima ipotesi al vaglio degli inquirenti è che il furgone e la Panda si siano toccati, probabilmente un tamponamento, dopo di che l’utilitaria si è girata e cappottata su stessa e il corpo della 51enne impiegata sia stato sbalzato fuori e terminato sotto le ruote del furgone. Come prassi vuole il conducente del mezzo, un uomo di Torre del Greco, è stato indagato per omicidio colposo. I mezzi sono stati sequestrati. Da sottolineare nell’evento drammatico, il pronto intervento dei tecnici dell’Anas che in un giorno di esodo verso il sud sono riusciti in poco tempo a ripristinare al meglio il tratto stradale interessato con pochissimi disagi per il traffico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#