Consorzio SA/3, Esposito “sfida” sindaci i valdianesi del PD: “Non vi temo, io rispetto la legge”

“Sono disposto a fare un passo indietro, ma non a modificare l’articolo 12 dello statuto”. Questo semplice concetto, ribadito ai nostri microfoni dal Presidente Uscente del CDA del Consorzio di Bacino SA/3 Vittorio Esposito, racchiude in sé una chiara bocciatura alle “velleità” dei sindaci del PD che nei giorni scorsi hanno chiesto la convocazione dell’Assemblea per trattare la nomina del nuovo Presidente e dei membri del nuovo Consiglio di Amministrazione.

 

ESPOSITO Vittorio2011.avi.Immagine001 INTERVISTA ANGELO MARMO CONSORZIO SA 3.Immagine004

L’Assemblea si farà, ma ai sindaci del PD, che teoricamente hanno raggiunto l’accordo, mancano i numeri per eleggere il nuovo direttivo, perché secondo il comma 1 dell’articolo 12 “Gli Enti Consorziati in mora con i versamenti hanno diritto di intervento, ma non possono esercitare il diritto di voto”. Per la nomina del nuovo CDA, che dovrà essere avallata da Esposito nella sua carica di “Commissario” del Consorzio, Esposito chiarisce che non sarà dato via libera ad esponenti di comuni che hanno in essere “conflitti di interesse” nei confronti del Consorzio: in pratica la quasi totalità dei comuni afferenti al Consorzio. Ai nostri microfoni Esposito sottolinea anche che “non ci sono dipendenti del Consorzio di Bacino SA/3 in cassa integrazione”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#