ASL di Salerno: il saluto di Geppino D’Amico, il Totti dei giornalisti del Vallo di Diano

E’ senza dubbio il Totti dei giornalisti del Vallo di Diano Geppino D’Amico, un fuoriclasse senza tempo della parola scritta e pronunciata  che da oggi saluta l’ASL di Salerno per il meritato pensionamento raggiunto, ponendo fine al suo incarico di Addetto Stampa per l’Azienda Sanitaria salernitana.

 

geppino d'amico lettera geppino

Geppino nell’occasione ha voluto scrivere una lettera indirizzata ai colleghi giornalisti, per salutarli dopo la fruttuosa collaborazione iniziata con l’incarico ufficialmente conferitogli nel 1996 dall’allora Direttore Generale della ASL SA/3 di Vallo della Lucania Ennio Logatto. E poi continuato con i suoi successori Claudio Furcolo, Donato Saracino e, dal 2009, con i Commissari e i Direttori Generali della ASL Salerno, Francesco De Simone, Fernando De Angelis, Maurizio Bortoletti, Antonio Squillante, Antonio Postiglione e Antonio Giordano. “Da allora –scrive Geppino- sono trascorsi esattamente venti anni scanditi da avvenimenti importanti ma anche da momenti difficili, durante i quali ho sempre cercato di svolgere al meglio l’incarico affidatomi”. Un incarico, come da tutti riconosciuto, portato avanti con impegno e nel rispetto dei ruoli, nel quale Geppino ha sempre offerto la massima collaborazione a tutti quei Colleghi che nel corso degli anni hanno ritenuto opportuno rivolgersi all’Ufficio Stampa. “Venti anni non si dimenticano facilmente –scrive ancora Geppino- e resta il ricordo delle oltre 300 trasmissioni realizzate per la ex ASL SA/3 e trasmesse dalle emittenti televisive presenti nella parte meridionale della nostra provincia, ed i comunicati divulgati”. Geppino ricorda con piacere gli Amministratori e i Dirigenti (in particolare la Responsabile della Segreteria della Direzione Generale, dott.ssa Marisa Caruana) che lo hanno onorato della loro fiducia, i Colleghi Giuseppe Calabrese e Giuseppe Manzo, con i quali ha condiviso in armonia e con spirito di collaborazione la responsabilità ed il lavoro dell’Ufficio Stampa della ASL Salerno, e i Colleghi delle testate giornalistiche con i quali ha intessuto rapporti di reciproca collaborazione che col tempo, in molti casi, si sono tramutati in rapporti di Amicizia. “Qualcuno di Voi –conclude Geppino-  mi ha chiesto cosa farò da domani: non so cosa il futuro vorrà riservami; intanto, potrò dedicarmi maggiormente alla lettura, e ad occuparmi con maggiore impegno di ricerca storica, fedele compagna di viaggio dal 1993. Sarà il modo migliore per continuare ad essere e sentirsi giornalista”. Per quanto ci riguarda speriamo che il Totti dei giornalisti del Vallo di Diano continui ad illuminare la scena territoriale e non solo con i suoi scritti, con i suoi libri e con le sue parole scritte e pronunciate. Ma soprattutto con la sua immensa classe, caratterizzata da una acuta capacità di interpretare quello che accade, innaffiata da una straordinaria cultura e da una irresistibile ironia, condite sempre dalla sua innata umanità.

.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *