A Polla l’incontro “Vaccinazione, facciamo chiarezza” con il virologo di fama internazionale Giulio Tarro

volantino vaccino“Vaccinazione, facciamo chiarezza”: questo è il titolo del dibattito che si svolgerà il prossimo due marzo a Polla. Presenti il presidente nazionale di Confunisco Giovanni Cafro, il vescovo di Teggiano Policastro Mons. De Luca ed il virologo di fama internazionale Giulio Tarro.giulio tarro

Importante convegno promosso da Confunisco e dalla Fondazione Bonelli a Polla, il prossimo due marzo. Presso il Centro Sociale Don Bosco, a partire dalle 16.00, discuteranno di vaccinazioni il pediatra Antonio Filpo dell’ospedale di Polla, il vescovo della Diocesi di Teggiano Policastro mons. Antonio De Luca ed il noto virologo Giulio Tarro, di recente candidato al premio nobel per la medicina. Ad introdurre il dibattito i saluti del presidente nazionale di Confunisco Giovanni Cafaro, del direttore sanitario del presidio ospedaliero di Polla Luigi Mandia, del sacerdote della Chiesa Santi Pietro e Benedetto Apostoli di Polla don Paolo Longo.

A moderare il dibattito il giornalista Geppino D’Amico. A presiedere i lavori sarà, invece, il responsabile per il Vallo di Diano di Confunisco Giuseppe Mossuto.

Il dibattito verterà sul tema della vaccinazione dei bambini, su cui spesso si assiste a polemiche fra chi, il mondo scientifico in primo luogo, afferma l’importanza fondamentale delle campagne vaccinali, poste a presidio della salute dei bambini, e chi invece pone dubbi e critiche sull’argomento.

A riguardo la posizione netta del presidente nazionale di Confunisco Giovanni Cafaro: “Chi lancia campagne senza alcun fondamento scientifico – sostiene – è un vero e proprio irresponsabile. La tesi che i vaccini possano danneggiare la salute dei nostri figli è stata portata avanti per anni da un medico tedesco di dubbia fama, poi infatti espulso dal suo ordine professionale, e da allora il tam tam della rete continua a rilanciare notizie false, senza che ci si renda conto che così facendo si confondono le idee di tanti genitori che, lasciandosi suggestionare, potrebbero davvero non sottoporre i propri figli ad importanti vaccinazioni. Così – conclude Cafaro – si mette a rischio l’incolumità dei più deboli. Le vaccinazioni, insieme all’uso intelligente degli antibiotici, hanno consentito di debellare patologie gravissime che fino a non molti decenni fa portavano alla morte di milioni di persone”.

Ma gli studiosi sottolineano un fattore ancora più importante, che trascende il diritto alla salute del singolo: “Non vaccinare i propri figli –secondo il pediatra Luigi Filpo –  non soltanto rischia di essere un gesto sbagliato fatto nei confronti di chi – i bambini – si avrebbe il dovere di tutelare nel miglior modo possibile, ma rischierebbe, se portato avanti da molti genitori, di pregiudicare l’impatto delle campagne di vaccinazione”.

La manifestazione avrà inizio alle ore 16.00 ed è stata resa possibile, oltre che dalla collaborazione dei tanti fra istituzioni, scuola, mondo dell’accademia e dell’associazionismo che hanno ritenuto di offrire il loro supporto, anche dalla disponibilità della ludoteca “Belli & Monelli”, che avrà cura dei bambini presenti all’evento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *