Tragedia a Campagna, lutto anche nel Vallo di Diano. Muore bimbo di 4 anni, la mamma è di MS Giacomo

Un  bimbo di 4 anni in preda ad una crisi respiratoria, l’inutile corsa disperata del papà in auto da Campagna verso l’Ospedale di Eboli. Il piccolo che lentamente perde conoscenza affianco al padre, l’auto che sfreccia tutta velocità dalle colline di Campagna verso il nosocomio ebolitano. La manina del piccolo la cui stretta si affievolisce, il respiro che si fa sempre più lieve. Devono essere stati momenti tremendi quelli vissuti sabato sera da Angelo Calandra, padre del piccolo Liberato, nel disperato tentativo di salvargli la vita. Il piccolo Liberato -come riporta il quotidiano Il Mattino- soffriva di asma e di crisi allergiche. Sabato sera una crisi respiratoria molto forte, e la decisione del papà di portarlo all’Ospedale di Eboli. Una corsa disperata di circa mezz’ora, che purtroppo si è rivelata inutile perché -sempre secondo la ricostruzione de Il Mattino- il bambino è morto a pochi metri dal pronto soccorso. I medici hanno tentato di rianimarlo, anche utilizzando più volte il defibrillatore, e con il massaggio cardiaco. Purtroppo il cuore di Liberato si è fermato, e non c’è stato più nulla da fare. Una tragedia tremenda, la perdita di una giovanissima vita che colpisce non solo la comunità di Campagna ma anche il Vallo di Diano: la mamma di Liberato, Paola Monaco, è infatti originaria di Monte San Giacomo. La 31enne si è trasferita a Campagna dopo il matrimonio con Angelo Calandra, alcuni anni fa. In queste ore, con il diffondersi della tragica notizia, la comunità di Monte San Giacomo incredula e addolorata stringe in un abbraccio affranto Paola e la sua famiglia. Sulla sua pagina del social network Facebook sono già tante le manifestazioni di costernazione e dispiacere per quanto accaduto al suo bimbo. Sulle morte del piccolo Liberato i Carabinieri di Eboli hanno aperto un’inchiesta. La salma è stata sequestrata in attesa dell’autopsia, che dovrà dare una risposta ad Angelo e a Paola e ai medici di Eboli. La famiglia Calandra vive in località Puglietta, una frazione collinare di Campagna. In ospedale sono giunti anche i nonni e gli zii del bambino. Nelle prossime ore, i Carabinieri ascolteranno il medico di famiglia di Liberato, per capire quali cure seguiva il bimbo in casi di crisi respiratoria. Paola e Angelo hanno altri due bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#