Sanità Pubblica, vicenda del referto ecografico di una 77enne valdianese: la replica del Primario

“Per carità i pazienti hanno sempre ragione. Io però non ho commesso nessun reato, sono stato solo aggredito senza essere a conoscenza di nulla”. Raffaele Cestaro, direttore dell’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale “Immacolata” di Sapri, chiarisce la sua versione dei fatti sulla vicenda relativa ad un errore di persona nell’intestazione del referto dell’ecografia effettuata presso il nosocomio pollese da una paziente di 77 anni di Sala Consilina.

ecografia referto ospedale sapri rid

La signora Ester, figlia della paziente di 77 anni “vittima” dell’errore nel referto ecografico, aveva venerdì contattato la nostra redazione per raccontare l’accaduto, precisando che probabilmente non lo avrebbe fatto se al danno subito non si fosse aggiunta la beffa di essere stata mandata quasi a quel paese dal primario. “Dopo 40 anni di attività -replica il dottor Cestaro- è la prima volta che vengo accusato, e per un fatto che non ho gestito io. La signora in questione -continua il primario- mi ha aggredito per telefono senza presentarsi. Per un errore, per carità, ma formale e di cui non ero a conoscenza. Alla domanda di poter correggere l’errore, ha continuato a prendersela con me senza che io sapessi nulla. Capisco l’ansia, ma io volevo solo farla parlare con la collega che veniva il pomeriggio. Invece la signora continuava ad inveire, ed io come sempre ero preso da mille problemi per cui mi sono piccato. Ma la malasanità non è questa”.

ARTICOLO CORRELATO: “SANITÀ PUBBLICA, DANNI & BEFFE. A UNA SIGNORA VALDIANESE REFERTO ECOGRAFICO INTESTATO A ALTRA PERSONA E POI…” – https://www.italia2tv.it/2017/04/07/sanita-pubblica-danno-beffa-a-una-signora-valdianese-referto-ecografico-intestato-a-altra-persona-e-poi/

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#