Stazione Terna. Cirielli presenta una interrogazione parlamentare: “Serie di irregolarità, il Governo intervenga”

L’ex presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli, e attualmente parlamentare, ha presentato una interrogazione in merito alla costruzione della stazione Terna a Montesano sulla Marcellana. L’interrogazione è indirizzata al “Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro dello sviluppo economico” e chiede interventi al Governo per sostenere le ragioni della comunità valdianese. “Il Comune di Montesano – si legge sulla interrogazione – è da tempo al centro di un’allarmante vicenda riguardante la costruzione di una stazione elettrica della società Terna spa a pochi metri dal centro abitato. La realizzazione dell’impianto avrebbe gravi ricadute sulla salute dei cittadini per l’esposizione continua alle onde elettromagnetiche come emerge dalla valutazione intermedia del piano di azione europea per l’ambiente e la salute 2004-2010 e dalla perizia depositata al comune di Montesano sulla Marcellana dal professore Massimo Zucchetti del Politecnico di Torino”.

Cirielli si concentra sull’iter autorizzativo con una serie di punti che – secondo il parlamentare di centrodestra – non rispecchiano la trasparenza e il giusto percorso. “Si evidenziano: irregolarità nella fase, d’informazione e coinvolgimento dei soggetti coinvolti. Non solo si evidenzia che la non corretta individuazione delle autorità competenti in materia ambientale ha inficiato il procedimento di soggetti con competenza ambientale; la fase di consultazione risulta invalidata dall’erronea individuazione dell’opera e non risulta effettuata idonea attività al fine ‘promuovere l’integrazione degli obiettivi di sostenibilità ambientale, con i piani di settore’. Sbagliata sarebbe anche l’indicazione circa lo stato di attuazione della stazione elettrica di Montesano e relativa connessione; i titoli abilitativi dell’intervento sono sub judice per mancanza di valutazione di impatto ambientale come acclarato con reiterate note della regione Campania”.

Ripercorrendo la vicenda l’ex presidente rimarca che “La Regione ha comunicato alla società Terna l’avvio del procedimento per l’annullamento in autotutela dell’autorizzazione unica – sostenendo che l’opera, secondo i progetti noti all’ufficio ambiente, non fosse stata sottoposta a valutazione di impatto ambientale. Le motivazioni dell’opera, sostenute da Terna (‘gli schemi della Rete Elettrica in Campania evidenziano carenze di energia nel Cilento e necessità di distribuzione per punti baricentrici’), risultano del tutto diverse da quelle che hanno dato luogo alla stazione elettrica di Montesano, ubicata in un’area strategica per lo sviluppo urbanistico, da destinare a sport e verde nella revisione degli strumenti di pianificazione”. Cirielli nell’interrogazione quindi attacca: “E’ venuta meno la ragione della costruzione della stazione a Montesano Sulla Marcellana quale raccordo delle diverse fonti di energia alternativa autorizzate con connessione presso l’opera di Terna. A fronte di ciò, Terna spa ha presentato istanza di verifica ad assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale proposta dalla medesima società per un progetto diverso, in relazione al quale il comune di Montesano Sulla Marcellana, tutti i comuni del Vallo di Diano, la Comunità Montana Vallo di Diano, il Parco nazionale Cileno, Vallo di Diano ed Alburni, e altri enti sovracomunali del territorio, stanno predisponendo ed inoltrando osservazioni tecniche ed amministrative negative”.

Infine l’interrogazione: “Chiedo se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali iniziative di competenza ritenga opportuno adottare per risolvere l’annosa vicenda che continua a destare forte preoccupazione tra i cittadini di Montesano e dell’intero Vallo di Diano”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#