Bracconieri in azione nel Vallo di Diano: trappole con lacci scoperte dalle Guardie Venatorie ad Atena Lucana

Bracconieri all’opera nel Vallo di Diano: alcune trappole realizzate con lacci e finalizzate alla cattura di fauna selvatica sono state rinvenute e sequestrate nel territorio di Atena Lucana dalle Guardie Venatorie.

 

BRACCONIERI ATENA LUCANA GUARDIE VENATORIE (1) 625ce7b9-71c6-4c26-87e1-cce9a3483d25

Proprio contro il fenomeno del bracconaggio si intensificano le attività dei guardiacaccia valdianesi, in particolare del Sovraintendente Capo Francesco Pascuccio e dell’Assistente Capo Stefano Laneve, Guardie Venatorie dell’Associazione Italcaccia operanti nel territorio di Ambito Territoriale di Caccia 2 (ATC 2), che comprende anche molti comuni del Vallo di Diano.

f2e7eb17-1a1f-41e6-ab64-1706fd0334b1 BRACCONIERI ATENA LUCANA GUARDIE VENATORIE (2)

Le Guardie Venatorie battono i sentieri utilizzati dagli animali selvatici, in questo caso dai cinghiali. Su uno di questi percorsi, utilizzato per raggiungere aree da controllare, hanno rinvenuto in località Caggiulo di Atena Lucana tre trappole realizzate con i lacci, due nella stessa zona e una poco lontano. Presumibilmente i lacci dovevano servire a catturare cinghiali, ma ovviamente nulla garantisce che a cadere nella trappola non possa essere ad esempio un tasso o qualche altro animale selvatico.

b4458962-5c8e-46d7-b1ec-cea87567fc44 ec85c453-b515-4ce4-bdc3-11d6c4ff6ea2

“Al di là del fatto che in questa stagione la caccia al cinghiale è vietata -chiarisce Stefano Laneve– le trappole realizzate con i lacci non sono selettive, ed il loro utilizzo comporta anche una sanzione penale. I bracconieri, se colti sul fatto, rischiano una denuncia di natura penale. Anche nel periodo di apertura, la caccia al cinghiale è consentita soltanto con il fucile ad anima liscia o con carabina: l’utilizzo di lacci resta sempre assolutamente vietato alla legge”.

65f560fa-9ab3-4de5-9427-5f06874c47ca 2c430b67-5cbe-4bc5-84dd-44addb4ced3f

Sono due le leggi che regolano la caccia: la 157/92 (legge nazionale) e la 26/2012 (legge regionale). Le Guardie Venatorie non operano soltanto contro il fenomeno del bracconaggio, facendo rispettare le due normative, ma anche a difesa dei cacciatori corretti e rispettosi. Tra i loro compiti anche la tutela dell’ambiente a 360°, attraverso ad esempio l’individuazione e la denuncia alle autorità competenti di eventuali discariche abusive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *