Sala Consilina e Sprar, il consigliere Colucci risponde al Sindaco Cavallone

Di seguito il comunicato stampa a firma di Giuseppe Colucci, capogruppo di Progetto Sala che risponde a Francesco Cavallone, sindaco di Sala Consilina in merito al progetto Sprar

“DALLE PAROLE del sindaco è chiaro ed innegabile che la Giunta Comunale aveva già deciso l’accoglimento di richiedenti asilo e rifugiati con la DELIBERA di GIUNTA COMUNALE n. 29 del 11/02/2016, avente ad oggetto “Programma territoriale di accoglienza integrata per richiedenti asilo e rifugiati: “Progetto SPRAR Comune di Sala Consilina”. Presa d’atto verbale Gruppo di Lavoro e approvazione proposta progettuale”, per candidarlo presso il Ministero dell’Interno, per l’importo complessivo di € 371.685, …;

 

Apprendiamo ora dalle parole del sindaco che il progetto non ha avuto esecuzione, SOLTANTO PERCHÉ IL COMUNE NON DISPONEVA DI LOCALI IDONEI PER L’ACCOGLIENZA, ed è innegabile che l’Amministrazione avesse approvato il progetto del valore complessivo di € 371.685, senza darne alcuna informazione.

Successivamente la Direttiva del MinInterno dell’11/10/2016 ha previsto un piano di accoglienza equilibrata e diffusa dei migranti, con la clausola di salvaguardia per i Comuni che avrebbero aderito allo SPRAR, mediante apposita ratifica in Consiglio Comunale.

 

In sintesi:

  1. in data 11/02/2016 la Giunta ha approvato il progetto per l’importo di € 371.685, prendendo atto dell’esito del Gruppo di Lavoro per la valutazione dei progetti del terzo settore, senza darne alcuna informazione alla cittadinanza;
  2. il progetto approvato dalla Giunta non avuto esecuzione per la mancanza dei locali idonei;
  3. nella conferenza dei capigruppo per la programmazione del Consiglio Comunale del 30/05/2017 non era prevista tale deliberazione;
  4. non è stata data alcuna delucidazione preventiva a tale deliberazione;
  5. mi sono assentato dal Consiglio Comunale soltanto per urgenti ed imprevisti motivi personali, altrimenti avrei dato il mio assenso all’adesione allo SPRAR, a condizione però di conoscerne le condizioni e le modalità di gestione con i correlati aspetti economici;
  6. soltanto dopo l’inenarrabile dichiarazione del sindaco, studiando l’argomento, ho scoperto l’esistenza di un progetto di accoglienza già approvato, che non è stato concluso soltanto per mancanza di requisiti.

 

Non c’è stata alcuna “veggenza” e nemmeno “allarmismo” da parte mia, ma ho solo chiarito che a febbraio 2016 l’amministrazione aveva già approvato un progetto di accoglienza, quando non c’era alcuna limitazione numerica all’assegnazione di migranti che la Prefettura avrebbe potuto determinare.

 

Le “fesserie” sono raccontate da chi ora vuole ergersi a difensore di principi umanitari, ma non ha spiegato perché tali principi non li ha manifestati alla cittadinanza un anno e mezzo fa, quando ha approvato il progetto con la gestione di centinaia di migliaia di euro.

Tutte le informazioni e gli atti amministrativi prodotti, come esposti nell’intervista del sindaco, sono patrimonio soltanto di chi ne può disporre facilmente, senza dover consultare quotidianamente gli atti amministrativi prodotti, e si spera che chi ne abbia avuto conoscenza si sia potuto organizzare dal febbraio 2016, per poter accogliere i rifugiati in maniera adeguata.

 

Sono certo della MATURITÀ E DELLO SPIRITO DI ACCOGLIENZA DEI NOSTRI CONCITTADINI, ma la TRASPARENZA degli atti, la DOVUTA informazione ed il COINVOLGIMENTO della cittadinanza sono fondamentali, per favorire la riuscita del Progetto SPRAR, soprattutto perché il fenomeno dei migranti è in continuo aumento ed è ad alta sensibilità sociale.

 

Mancata trasparenza, mancata informazione, cittadinanza all’oscuro del progetto (mancato) da oltre un anno e mezzo, delibera di consiglio comunale senza preventiva informazione: Tutto qui.

Ed ora il sindaco si permette di puntare il dito sulle minoranze !!!

 

AI CITTADINI di SALA CONSILINA IL LORO GIUDIZIO

                                                                                                            Progetto Sala

Giuseppe Colucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#